Materiali

Nanovia ha lanciato il filamento Flex B4C per la schermatura dei neutroni

Un filamento semiflessibile arricchito con carburo di boro ceramico e utilizzato nell'industria dell'energia nucleare

0 Condivisioni

Il produttore francese di filamenti per la stampa 3D avanzata Nanovia sta introducendo il Flex B4C, un nuovo filamento arricchito di carburo di boro che può essere utilizzato nell’industria dell’energia nucleare per la schermatura dei neuroni. Il materiale è disponibile nello shop online dell’azienda e una bobina da 500 grammi costa 490 euro IVA esclusa (980 euro al kg). È disponibile sia in 1,75 che in 2,85 mm.

Nanovia Flex B4C è simile nel concetto al PLA XRS di Nanovia, che blocca i raggi X con solfato di bario. L’azienda utilizza da tempo B4C su specifiche di filamento ceramico per la sinterizzazione, la gamma Cr.

Nanovia lancia il filamento Flex B4C per la schermatura dei neutroni, arricchito con ceramica al carburo di boro e utilizzato nell'industria dell'energia nucleareGià utilizzato dall’industria nucleare francese, Nanovia Flex B4C utilizza la capacità bore-10 di reagire con i neutroni emessi dalla reazione di fissione nucleare. Combinato con un polimero industriale, questo filamento offre una soluzione di facile utilizzo per la stampa 3D di parti personalizzate complesse necessarie per mantenere in funzione i reattori.

La sua base semirigida tiene conto dei componenti strutturali ma rimane in grado di deformarsi quando necessario per assorbire gli urti. Questa combinazione rende il Flex B4C di Nanovia particolarmente adatto per strumenti, attrezzature per la manutenzione e contenitori per il trasporto di materiali fragili.

Nanovia B4C è stampabile senza involucro e non richiede adesivi per piastre di costruzione.

Quando un neutrone libero colpisce una persona, può modificare o distruggere il DNA di una cellula. Poiché i neutroni non sono particelle cariche, non vengono facilmente rallentati dagli altri elementi atomici e possono penetrare attraverso strati molto spessi di materiale prima di colpire il nucleo di un altro atomo.

Allora come fa flex B4C a catturare il neutrone libero generato dalla fissione nucleare? Il boro presente negli elementi ceramici di B4C è un metalloide di cui esistono diversi isotopi. Il boro-10 e il boro-11 sono le uniche versioni stabili esistenti in natura. Ciò significa che questi atomi hanno lo stesso numero di protoni ma un diverso numero di neutroni.

Nanovia lancia il filamento Flex B4C per la schermatura dei neutroni, arricchito con ceramica al carburo di boro e utilizzato nell'industria dell'energia nucleareIl boro-10 in particolare ha un’ampia sezione trasversale di assorbimento del nucleo. Quando un neutrone libero, generato dalla fissione nucleare, incontra il boro-10, questa ampia sezione trasversale di assorbimento del nucleo funziona efficacemente come una rete resistente. Ciò rende il boro-10 molto più probabile che venga colpito rispetto ad altri atomi.

Questo impatto crea un isotopo prevalentemente instabile del boro-11 che si fende in: una particella alfa (atomo di elio senza elettroni), un atomo di litio-7 e radiazioni gamma [10B + nth → 4 He2+ + 7Li 3+ + 2,79 MeV (6% ) e 10B + nth → 4 He2+ + 7Li 3+ + 2.31 MeV + γ (0.48 MeV) (94%), fonte: Caractérisation de champs neutroniques rapides et épithermiques pour thérapie par capture neutronique basée sur accélérateur / Marine HERVE]

I due elementi generati non sono effettivamente radioattivi poiché gli altri elementi assorbono la radiazione gamma che li attraversa. La schermatura realizzata con elementi più pesanti come il piombo consente un assorbimento più rapido.

Queste proprietà fanno del boro-10, nella sua forma solida (carburo di boro) e nella sua forma liquida (acido borico), un materiale ideale, utilizzato come regolatore (veleni neuronali) nei reattori nucleari. Inserendo il boro-10, i neutroni liberati dalla fissione dell’uranio-325 vengono intercettati, neutralizzando la reazione a catena.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Polymer AM Market 2023

899 polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated over $5.5 bill...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!