AerospazialeStampa 3D - Processi

Nanoracks Space Outpost Europe firma un protocollo d’intesa con Anisoprint

Concentrandosi sulla regolazione della tecnologia CFC per la microgravità e sulla sua distribuzione in orbita

0 Condivisioni

Anisoprint, fornitore di soluzioni di stampa 3D CFC, ha firmato un accordo con Nanoracks Space Outpost Europe, leader nell’utilizzo commerciale della Stazione Spaziale Internazionale, per rafforzare la sua posizione di sviluppatore di tecnologia spaziale e diventare parte della Terra bassa orbita ed economia lunare.

Dal momento che Anisoprint è stato selezionato per la pre-incubazione nel programma di supporto all’avvio di ESRIC per regolare la tecnologia di stampa 3D in fibra continua per condizioni di microgravità, il team ha fatto grandi passi avanti verso l’espansione della rete di risorse. Anisoprint ha firmato il protocollo d’intesa con Nanoracks Space Outpost Europe per garantire la dimostrazione e la convalida delle capacità della tecnologia di coestrusione di fibre continue (CFC) in orbita.

Anisoprint ha firmato un accordo con Nanoracks Space Outpost Europe, per rafforzare la sua posizione di sviluppatore di tecnologia spaziale

“Siamo entusiasti di unire le forze con un partner del settore di origine così esperto e rispettato: regolare la tecnologia CFC per la microgravità è il primo passo, il prossimo sarà distribuire la tecnologia in orbita insieme a Nanoracks Space Outpost Europe”, ha affermato Dmitrii Prokopiuk , il capo dello sviluppo spaziale di Anisoprint.

Come già sappiamo, c’è un’enorme richiesta di produzione in loco di parti e componenti nello spazio a causa delle sfide logistiche associate alla dipendenza dalla fornitura di parti e componenti dalla Terra, nonché al tempo e alle spese finanziarie.

La produzione in loco riduce al minimo i costi di consegna e i limiti di forma, inoltre riduce il numero di missioni di consegna. La tecnologia brevettata Anisoprint CFC crea zero sprechi e, quindi, non aumenta la quantità di detriti spaziali. Oltre a questo, è una produzione completamente automatizzata che non richiede manodopera.

“Con i nostri piani per lo sviluppo di stazioni orbitali e altre strutture spaziali per soddisfare al meglio le esigenze del mercato, sta diventando sempre più cruciale il ruolo di queste innovative macchine di produzione in orbita. Non vediamo l’ora di sperimentare le capacità di stampa 3D CFC nel nostro portafoglio”, ha affermato Veronica La Regina, Direttore dello sviluppo aziendale di Nanoracks Europe.

0 Condivisioni
Tags
Research 2022
Polymer AM Market Opportunities and Trends

741 unique polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated $4.6 bi...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!