IstruzioneStampa 3D - ProcessiStampa 3D per l'emergenza COVID-19

MIT, Polimi e TUM tengono lezioni online transnazionali per corsi di produzione additiva

0 Condivisioni

L’epoca del COVID-19 ha portato lezioni e conferenze online nel mainstream più che mai. Ciò è stato particolarmente vero nel settore della produzione additiva per i webinar aziendali e persino per intere fiere. In questo contesto, sembra naturale che tre istituzioni leader a livello mondiale nella ricerca accademica sull’AM uniscano virtualmente le forze: stiamo parlando del il MIT di Boston, il Politecnico di Milano (Polimi) e l’Università tecnica di Monaco (TUM).

Tre docenti senior, uno per ogni istituto, hanno tenuto un corso online per studenti presso Polimi e TUM (il MIT non ha un corso sull’AM in questo semestre). La professoressa Bianca Maria Colosimo di Polimi, si è unita al professor Christoph Meier del TUM e al professor John Hart del MIT, consentendo agli studenti delle due classi di ascoltare le lezioni tenute in tre diverse parti del mondo, concentrandosi su diversi argomenti di AM.

“È stato sorprendente vedere di come il COVID-19 non stia solo creando sfide e difficoltà, ma anche opportunità”, ha affermato il professor Colosimo. “La digitalizzazione forzata dell’insegnamento durante questa pandemia ci ha aiutato a capire che questo può anche essere un modo per annullare le distanze e creare progetti comuni in tutto il mondo”.

La conferenza del professor Colosimo da Milano si è concentrata sull’intelligenza artificiale e sui sensori all’interno del sistema additivo con il framework Industry 4.0. La seconda lezione, tenuta dal professor Christoph Meier, ha discusso gli elementi dei gemelli digitali con AM con un focus specifico sulla simulazione del processo e sui sistemi di ricopertura delle polveri. Il professor John Hart, che tiene anche le popolari lezioni online del MIT sull’AM ed è un co-fondatore della società di stelle nascenti del metal binder jetting Desktop Metal, ha presentato il nuovo metal binder jetting e l’uso di sistemi a raggi X nel processo.

 

“L’idea di collegare virtualmente le nostre classi ci ha permesso di condividere le nostre diverse prospettive sull’AM e, cosa più importante, di connettere i nostri studenti”, ha commentato il professor Hart. “Abbiamo avuto molte grandi domande e discussioni, e questo tipo di modello di insegnamento collaborativo è sicuramente destinato a rimanere, anche quando potremo viaggiare di nuovo (cosa che non vediamo l’ora di fare)”.

Gli studenti Polimi facevano parte di una classe che riunisce 80 studenti dei Master Ingegneria Meccanica, Ingegneria Industriale e Design & Engineering. Gli studenti TUM partecipano ad un corso avanzato dal titolo “Introduzione a recenti temi di ricerca in meccanica computazionale – Additive Manufacturing” ed è offerto agli studenti del Master in Ingegneria Meccanica. In genere, sono circa 20 gli studenti che partecipano a questo corso avanzato presso il TUM.

Un vantaggio chiave di questo formato di lezione transnazionale e interdisciplinare è stato quello di riunire docenti con diverse competenze scientifiche e studenti con diversi background accademici in modo complementare e sinergico. “Questo approccio – ha affermato il professor Meier – ha permesso di ampliare lo spettro delle conoscenze trasmesse agli studenti riducendo allo stesso tempo il carico di lavoro dei singoli docenti. Gli studenti erano entusiasti di entrare in contatto tra loro e anche con nuovi aspetti dell’AM. Ciò si è riflesso nel coinvolgimento molto attivo degli studenti che ha portato a discussioni vivaci e fruttuose durante e dopo le lezioni. Inoltre, il campo generale – scientifico e industriale – dell’AM trarrà vantaggio da tali formati di corso che portano a laureati con un orizzonte più ampio, un modo di pensare interdisciplinare, e collegamenti internazionali per una futura rete di collaborazione. Dato il feedback positivo finora, abbiamo sicuramente intenzione di ripetere e persino intensificare questo tipo di formato di insegnamento nei prossimi anni”.

La formazione sulla produzione additiva è un tema caldo, che il Politecnico di Milano sta esplorando anche nell’ambito del progetto SAM (Skills for AM). Composto da 16 partner, il consorzio è impegnato a sostenere la crescita, l’innovazione e la competitività del settore AM. Tutti i partner hanno esperienza nella tecnologia di produzione e/o nella fornitura di istruzione. Il progetto, che è stato cofinanziato dalla Commissione Europea, affronta l’attuale necessità europea di sviluppare un sistema efficace per identificare e anticipare le giuste competenze per le richieste del settore della produzione additiva (AM) in risposta alle crescenti esigenze del mercato del lavoro, quindi, contribuire alla crescita intelligente, sostenibile e inclusiva del settore AM.

Emanuele Carraro, uno degli studenti Polimi che hanno partecipato alla sessione, ha confermato di aver trovato l’esperienza particolarmente avvincente “non solo per gli argomenti trattati, che sono stati molto interessanti, ma anche perché mi ha fatto capire veramente come l’AM non sia una disciplina di studio limitato alla mia università, ma è oggetto di interesse per molti colleghi ingegneri in tutto il mondo e mi ha fatto sentire più vicino a loro”.

Questa è certamente una delle caratteristiche molto particolari della produzione additiva: una comunità globale ancora relativamente piccola e molto unita, che si estende oltre i confini, unita dalla passione di trasformare veramente il modo in cui produrremo le cose per i secoli a venire. L’esperimento è stato un successo e sembra inevitabile che, anche quando le lezioni in presenza torneranno possibili, si ripeterà. L’intera industria AM ne trarrà vantaggio.

0 Condivisioni
Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!