AutomotiveSport

McLaren Racing 3D stampa 9.000 parti all’anno su Stratasys Neo 800

Questo il numero delle parti solo dalla tecnologia SLA, che aiuta il team a raggiungere il limite di budget FIA

0 Condivisioni

Il team di Formula 1 McLaren Racing sta rispondendo ai limiti di budget e tempi di produzione dei veicoli più stretti della FIA stampando in 3D decine di migliaia di parti con le grandi stampanti 3D stereolitografiche Neo 800 di Stratasys.

La McLaren sta vincendo la “gara prima della gara” producendo fino a 9.000 parti all’anno in numerosi programmi di alettoni anteriori e posteriori, oltre a grandi parti della carrozzeria laterale e della parte superiore. Il team di gara riporta grandi passi avanti nell’ottimizzazione dell’aerodinamica del veicolo durante i test in galleria del vento grazie all’estrema precisione delle parti stampate sui suoi cinque sistemi Neo800. Al di là dell’aspetto qualitativo, anche il tempo di produzione parziale è stato drasticamente ridotto, con il team ora in grado di produrre alcune parti di grandi dimensioni come i modelli in scala del corpo superiore in soli tre giorni.

McLaren e Stratasys insieme

È anche meno costoso. Con lo sport che affronta tempi incerti e nessun reddito in entrata durante il Covid, la FIA ha deciso di ridurre il budget cap da $ 175 milioni a $ 145 milioni per il suo primo anno di attività nel 2021, quindi fino a $ 140 milioni per il 2022 e $ 135 milioni nel 2023.

Il team di Formula 1 McLaren Racing sta  stampando in 3D decine di migliaia di parti con le Neo 800 di Stratasys.

L’utilizzo della flotta di stampanti interne, frutto della collaborazione di lunga data di McLaren con Stratasys, consente alla McLaren di produrre tutte le parti aerodinamiche presso la sua base a Woking, nel Regno Unito, risparmiando sui costi per i subappaltatori e il relativo processo di controllo qualità della qualità. Il team può anche stampare maschere e modelli in 3D e piccoli stampi che sarebbero stati precedentemente lavorati da billette di metallo. La velocità del processo di stereolitografia Neo800 non solo fa risparmiare molto tempo, ma consente di risparmiare materiale metallico costoso non sprecando grandi quantità di trucioli rimossi dal processo di lavorazione sottrattiva.

Nella galleria del vento

“La tecnologia stereolitografica e i materiali si sono evoluti, cambiando il modo in cui la utilizziamo”, spiega Tim Chapman, Head of Additive Manufacturing presso McLaren Racing. “Non produciamo più solo prototipi; ora produciamo molti componenti a grandezza naturale e utensili a grandezza naturale”.

Una delle applicazioni principali in cui McLaren vede il massimo valore con i suoi Neo800 di nuova generazione è per i test in galleria del vento. Il team utilizza modelli in scala del 60% per ottimizzare il pacchetto aerodinamico e trovare più carico aerodinamico, che fornisce una maggiore presa aerodinamica, e bilanciare i carichi aerodinamici anteriori e posteriori dell’auto.

“I test in galleria del vento sono ancora il gold standard quando si valuta come ogni superficie lavora insieme, sia come assemblaggio che come un’auto completa”, spiega Chapman. “La nostra serie Neo di stampanti 3D ci ha aiutato a ridurre drasticamente i tempi di consegna dei nostri componenti e progetti aerodinamici della galleria del vento”.

Il team stampa le parti utilizzando il materiale in resina Somos PerFORM Reflect, sviluppato specificamente per i modelli in galleria del vento. Crea parti resistenti e rigide che impiegano il 30% in meno di tempo per la post-elaborazione.

Neo e Somos

Chapman continua: “Riteniamo che i componenti ad alta definizione delle nostre macchine Neo richiedano una finitura manuale minima, il che consente un throughput molto più rapido nella galleria del vento. Oltre alla velocità, ora possiamo produrre parti della galleria del vento con la massima precisione, dettagli e finitura superficiale, il che ha consentito al nostro team di migliorare i test e trovare nuove idee innovative per migliorare le prestazioni. Non posso sopravvalutare quanto siano importanti questi vantaggi in Formula 1, con scadenze molto strette per consegnare le auto alla prossima gara e dove la più piccola iterazione del design può fare la differenza tra vincere, perdere o recuperare posizioni sulla griglia.

Le grandi dimensioni del letto delle stampanti 3D Stratasys Neo800 (800 x 800 x 600 mm) consentono di utilizzare parti singole di grandi dimensioni o una moltitudine di parti molto più piccole. Il processo significa che i dettagli complessi sono sempre preservati con ripetibilità e affidabilità leader del settore.

Ciò è esemplificato dalla McLaren, dove circa 50 o 60 alloggiamenti della pressione dell’aria sono incorporati nelle sue auto da corsa per consentire letture della pressione dell’aria su varie superfici. Le piccole pressioni che attraversano questi componenti sono estremamente complesse e dettagliate e si trovano all’interno dell’auto durante i test e le gare per consentire agli ingegneri di monitorare e ottimizzare continuamente le prestazioni aerodinamiche.

Andy Langfeld, Presidente EMEA di Stratasys, afferma: “Il valore trasformativo nella stampa 3D deriva dalla possibilità di personalizzare e personalizzare rapidamente le parti per applicazioni specifiche. In questo caso, McLaren è stata in grado di ridurre drasticamente i tempi di sviluppo del prodotto e controllare i costi con la tecnologia stereolitografica di nuova generazione di Stratasys, combinata con materiali Somos di livello mondiale e la nostra profonda esperienza nelle corse. È una grande collaborazione tra due organizzazioni di livello mondiale”.

0 Condivisioni
Tags
Research 2022
Polymer AM Market Opportunities and Trends

This new market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segm...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!