Let the music play… in 3D

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

drum8smallOlaf Diegel, un designer di strumenti musicali stampati in 3D (e altre creazioni decisamente particolari – potete vederle tutte sul suo sito www.odd.orn.nz) si esibirà alla prossima fiera Euromold, sponsorizzato da 3D Systems, suo partner per la realizzazione di diversi progetti e sua piattaforma (attraverso Cubify) per la vendita dei modelli stampabili.

Non sarà proprio lui a esibirsi ma i suoi strumenti tra cui, oltre alle chitarre – suo marchio di fabbrica – ci saranno anche i nuovi Atom 3D printed  Drums (alla batteria) e le nuove Ladybug Keybord (alle tastiere).

Tutti gli strumenti sono stati stampati attraverso il processo di SLS (Selective Laser Sintering), cioè la sinterizzazione di polimeri in polvere attraverso un laser. Solo i tamburi sono stati effettivamente stampati in 3D, il kit completo per la batteria include tom da 12″, 13″ e 16″, uno snare da 14″ provenienti da un drum kit Sonor SmartForce. Il materiale usato per i drum, così come per la tastiera è Duraform PA, un tipo di nylon molto resistente. A quanto pare il design, nonostante i buchi e gli effetti particolari, non altererà particolarmente il suono emesso.

L’impressione che riceviamo dalle immagini, però, è che – nonostante l’individualizzazione possibile attraverso la stampa 3D possa essere considerata perfetta per andare incontro al bisogno di differenziarsi dei musicisti – ci vorrà ancora del tempo prima che i processi di stampa 3D, soprattutto quelli “casalinghi” permettano di creare studenti su misura a un costo accessibile e ragionevole e soprattutto qualitativamente validi.

A Francoforte sentiremo come suonano, sapendo che, comunque, stampare uno strumento musicale unico in 3D probabilmente costa già molto meno che farlo produrre artigianalmente.

Alla Batteria

Alle tastiere

Alla chitarra

Autore replicatore

Da non perdere

Arriva a Torino Olli, il minibus elettrico con parti stampate in 3D

Olli è pronto a farsi conoscere per le strade di Torino, ma non stiamo parlando …