IndustriaMaterialiNotizie - ultima oraScienzaStampa 3D - Processi

Le stampe 3D diventano “nano”

Two Photon Polymerization © Jan Torgersen

Jan Torgersen e il suo team di ricerca presso La Technische Universitat di Vienna hanno messo a punto un nuovo sistema per stampare in 3D oggetti minuscoli, addirittura delle dimensioni di pochi nanometri, meno di un granello di sabbia e praticamente invisibili a occhio nudo.

Utilizzando un laser e una resina liquida sensibile alla luce,Torgersen ha creato quella che chiama una “Macchina Polimerizzatrice a due fotoni”, in grado di creare modellini in 3D di un’automobile da corsa o di una cattedrale che misurano appena 100 nanometri (100 miliardesimi di metro). Con questo nuovo metodo, inoltre, è possibile stampare ad una velocità di 5 metri al secondo, mentre con i sistemi pre-esistenti la velocità massima era nel raggio di pochi millimetri al secondo.

Stampare oggetti nanotecnologici, quindi, sarà più semplice e preciso che stampare in 3D oggetti macroscopici e i risvolti per i campi di medicina e biotecnologia potrebbero rivelarsi dirompenti. In un prossimo futuro potrebbe essere possibile stampare apparati biomedici nanoscopici su scala industriale, oppure ricreare addirittura gli elementi che compongono i tessuti biologici, come la pelle e persino organi funzionanti.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=5y0j191H0kY]
Tags
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!