ProduzioneStampa 3D per l'emergenza COVID-19

Le società automobilistiche rispondono alla crisi coronavirus

In tutto il mondo, le aziende manifatturiere di molti settori hanno mobilitato le proprie risorse per produrre dispositivi medici. Nel settore automobilistico, abbiamo notato una tendenza tra le società a sfruttare le loro risorse di manifattura additiva per supportare la produzione di dispositivi di protezione individuale (DPI) e parti per ventilatori e respiratori. Nel seguente articolo, vedremo cosa stanno facendo alcuni dei principali attori del settore automobilistico per supportare le attività di soccorso di COVID-19.

Jaguar Land Rover

La società automobilistica britannica Jaguar Land Rover ha annunciato questa settimana di aver sviluppato una visiera protettiva stampata in 3D e di averne iniziato la produzione nelle sue strutture. Una volta ultimate verranno impiegate per il personale medico di prima linea che lavora per il Servizio sanitario nazionale (NHS).

Visiera stampata in 3D da Jaguar Land Rover

Secondo quanto riferito, il design della visiera protettiva è l’unico dispositivo riutilizzabile e approvato dal NHS nel suo genere ed è stato sviluppato in collaborazione con un team di professionisti sanitari presso l’Advanced Creation Centre di Gaydon, in Inghilterra. Il servizio sanitario del Regno Unito, come i sistemi sanitari di tutto il mondo, sta affrontando una grave carenza di DPI (Dispositivi Protezione Individuale), che sta esponendo i lavoratori ad un maggiore rischio di infezione.

Jaguar Land Rover sta collaborando con vari partner, incluso Pro2Pro, per produrre circa 5.000 visiere a settimana. La visiera è già stata sottoposta a prove presso il Great Western Hospitals, e la produzione è iniziata ufficialmente il 31 marzo 2020 presso la struttura di Jaguar Land Rover nel Warwickshire. L’azienda automobilistica prevede inoltre di rendere open source i file CAD in modo che altri produttori possano contribuire alla produzione.

Volkswagen

Numerosi marchi del Gruppo Volkswagen hanno spostato le proprie risorse di produzione e prototipazione per aiutare a sviluppare e produrre DPI e altri dispositivi medici. Il gruppo automobilistico sta lavorando in collaborazione con Airbus, e Mobility si dedica alla rete additiva per produrre schermi facciali stampati in 3D da consegnare alle istituzioni mediche in Spagna. Lo schermo facciale è stato progettato da Airbus e sarà trasportato dalla Germania a Madrid dalla compagnia aerospaziale. La produzione degli schermi facciali viene effettuata presso i centri di stampa 3D di Volkswagen a Wolfsburg e Ingolstadt, nonché presso le strutture Audi, Bentley, Bugatti, Porsche e MAN Truck & Bus, tra gli altri.

Componenti per la protezione del viso con stampa 3D di Volkswagen

Altri membri del gruppo Volkswagen stanno sfruttando le loro soluzioni additive per produrre altre forniture mediche. Ad esempio, il marchio ceco ŠKODA sta lavorando in collaborazione con l’Università tecnica di Praga per stampare in 3D respiratori riutilizzabili tramite la sua tecnologia HP Multi Jet Fusion interna. Lamborghini, da parte sua, sta convertendo le divisioni del suo impianto di produzione di auto sportive a Sant’Agata Bolognese per produrre maschere chirurgiche e scudi protettivi in ​​plexiglass. SEAT sta seguendo invece un progetto di collaborazione per la produzione di un ventilatore meccanico da assemblare a Martorell, in Spagna, e sta sviluppando maschere facciali, in attesa di approvazione.

Fino ad oggi, il Gruppo Volkswagen ha già donato diverse centinaia di migliaia di maschere mediche al sistema sanitario tedesco e offrirà anche altro materiale per un valore di circa 40 milioni di euro.

Ford

La Ford Motor Company è un’altra società automobilistica che sta adottando un approccio poliedrico al supporto della lotta al COVID-19. La società sta sfruttando la propria capacità di stampa 3D interna per produrre componenti per DPI, inclusi oltre 100.000 schermi facciali a settimana. Oltre alla stampa 3D, la società ha anche collaborato con 3M e GE Healthcare per aumentare le capacità di produzione di attrezzature mediche e forniture necessarie sfruttando la sua capacità produttiv. In particolare, Ford collabora con GE Healthcare per produrre 50.000 ventilatori semplificati entro i prossimi 100 giorni.

Il tecnico Ford AM, Dave Jacek, indossa un prototipo di visiera medica stampata in 3D

Nella produzione di parti in DPI, Ford farà affidamento su tecnologie di produzione additiva presso il suo Advanced Manufacturing Center di Redford, nel Michigan. I primi scudi facciali sono stati testati la scorsa settimana presso gli ospedali Detroit Mercy, Henry Ford Health Systems e Detroit Medical Center Sinai-Grace. La consociata Ford Troy Design and Manufacturing assisterà nella produzione degli schermi facciali, consentendo tassi di produzione settimanali di circa 100.000 unità.

Mercedes Benz

Il 27 marzo 2020, il marchio automobilistico tedesco Mercedes Benz (una divisione di Daimler AG) ha annunciato che avrebbe supportato la produzione di dispositivi medici stampati in 3D. La società afferma che la sua ampia capacità AM, utilizzata per stampare fino a 150.000 componenti in plastica e metallo ogni anno, può supportare la produzione laddove necessario. Le tecnologie disponibili includono FDM, SLA, SLS e persino SLM.

Mercedes Benz afferma che la sua capacità AM è disponibile per il supporto alla lotta COVID-19

“A tal fine, siamo anche in contatto con il governo statale del Baden-Württemberg. La nostra esperienza e conoscenza specialistica è disponibile per la produzione; ora tocca al settore della tecnologia medica contattarci. Le nostre stampanti 3D sono sicuramente disponibili”.

Non è chiaro se Mercedes Benz stia producendo pezzi, ma ha offerto le sue risorse agli operatori sanitari.

General Motors

Sebbene General Motors non abbia rivelato se sta sfruttando la propria produzione additiva per il contenimento del COVID-19, vorremmo evidenziare un paio di progetti su cui sta lavorando. Per uno, la società automobilistica ha iniziato la produzione di maschere chirurgiche di livello 1 e prevede di consegnare le prime 20.000 maschere ai lavoratori in prima linea già la settimana prossima. Le maschere vengono prodotte presso lo stabilimento di produzione GM di Warren, nel Michigan.

GM ha inoltre annunciato una partnership con Ventec Life Systems per supportare la produzione di ventilatori per terapia intensiva VOCSN nella sua struttura di Kokomo, Indiana. I ventilatori approvati dalla FDA dovrebbero essere pronti per la spedizione entro la fine del mese. Le aziende sostengono che avranno la capacità di produrre almeno 10.000 ventilatori per terapia intensiva al mese.

Altre compagnie automobilistiche hanno messo in pausa o chiuso la produzione nei loro stabilimenti per la sicurezza dei lavoratori.

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!