Lamborghini sceglie la stampa 3D di Carbon per produrre il SUV Ursus

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Quando due grandi aziende decidono di unire le forze il risultato è garantito: ecco perché vedendo la nuova collaborazione nata tra Carbon e Lamborghini c’è da aspettarsi grandi cose.

Le due società hanno da poco annunciato un accordo per l’introduzione della tecnologia Digital Light Synthesis (DLS) di Carbon all’interno del processo produttivo di Lamborghini. Il campo di applicazione? Il nuovo super SUV Ursus, la supercar lanciata da Lamborghini nel 2018.

Urus integra due componenti realizzati con la tecnologia Carbon’s AM, il tappo del serbatoio e un componente a clip per un condotto dell’aria. Oltre a questo, Lamborghini sta sfruttando le potenzialità della stampa 3D di Carbon per per ottimizzare i componenti già esistenti del veicolo e per riprogettare anche altre parti del veicolo,  inclusi componenti interni, parti di assemblaggio e vari accessori.

Molti dei componenti dei nostri veicoli sono candidati ideali per la produzione digitale“, ha commentato Stefan Gramse, responsabile degli acquisti di Automobili Lamborghini SpA. “Collaborando con Carbon, siamo in grado di produrre prodotti più durevoli in modo più intelligente, rapido ed efficiente, oltre a velocizzare notevolmente il nostro time-to-market“.

Carbon si sta imponendo sempre di più come una delle startup dal potenziale più grande nel campo della manifattura additiva, grazie alla sua tecnologia DLS che sembra perfetta per affiancare la produzione tradizionale con notevoli vantaggi.

La soluzione di produzione digitale di Carbon consente ad aziende come Lamborghini di progettare e realizzare prodotti migliori“, ha aggiunto il Dr. Joseph DeSimone, CEO e co-fondatore di Carbon. “L’industria automobilistica mostra un potenziale significativo per l’utilizzo della produzione additiva su larga scala e la nostra partnership con Lamborghini è un perfetto esempio del tipo di innovazione che si può ottenere quando si fondono design e ingegneria in un unico sistema“.

Grazie alla collaborazione, Lamborghini è diventata una delle prime aziende automobilistiche ad integrare la tecnologia DLS di Carbon nel suo flusso di lavoro per la produzione di componenti finali, seguendo la strada intrapresa anche da Ford. Anche se al momento l’impiego della tecnologia di Carbon da parte di Lamborghini è limitata al SUV Ursus, non è da escludere che la collaborazione possa ampliarsi ulteriormente verso altri modelli di auto col passare del tempo.

Autore Matteo Maggioni

Laureato in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano, nel corso degli anni Matteo si è specializzato nel mercato delle New Technologies, concentrandosi particolarmente sul mercato della stampa 3D e sulle sue possibili applicazioni nel mondo dell'Industria 4.0.

Da non perdere

La stampa 3D avrà un ruolo nella decolonizzazione dei musei?

Negli ultimi anni, la scansione e la stampa 3D hanno assunto ruoli sempre più importanti …