Arte & DesignConsumerGiocattoliModellazione 3DNegoziNotizie - ultima oraProdotti di consumoScanner 3D - ServiziStampa 3D - Processi

L’action figure siete voi

 

L'action figure siete voi

Action figure se siete maschi, bambole se siete femmine: a prescindere da come le chiamiate in Giappone (e in quale altro posto se no?) è scoppiata la moda dei pupazzi clonati e stampati 3D. Un blogger giapponese Danny Choo, è si è recato negli studios della Clone Factory, uno dei primi produttori di cloni stampati a Tokyo e ha raccontato la sua avventura con tanto di fotoreportage per spiegare come nasce la bambola – o l’action figure – di voi stessi.

02-Scansione-3D

Prima di tutto vi scansiscono, un po’ come si fa quando andate da un fotografo per farvi fare un ritratto. Solo che ormai farsi fotografare in 2D è semplicissimo mentre quando c’è da farsi ritrarre in 3D entra in gioco la tecnologia più avanzata, anche perchè, dovendo poi usare il modello virtuale per la stampata, questo deve essere perfetto in ogni minuscolo dettaglio.

04-modello-3D

A questo punto viene realizzato il modello 3D al computer con il software Maya di Autodesk. Non è una procedura semplicissma perchè occorre testare e ritestare il soggetto virtuale per assicurarsi che non manchino poligoni, altrimenti si rischia di stampare un clone con buchi e imperfezioni e sprecare le costose cartucce della stampante 3D.

03-Stampante-3D

Il vostro clone virtuale diventerà reale grazie alla stampante ZPrinter 650: si tratta di un modello che costa diverse decine di migliaia di euro e che utilizza della cartucce di materiale plastico in polvere, il quale che viene condensato strato per strato per creare gli oggetti stampati. La polvere in eccesso viene rimossa successivamente.

05-Clone-inquietante

Il risultato è eccezzionalmente fedele. Forse anche troppo. Alcuni potrebbero sentirsi a disagio davanti a una versione inanimata di loro stessi. Eppure, almeno per quanto ci riguarda, siamo d’accordo con Danny Choo: avere uno Storm Trooper con le nostre sembianze vale qualsiasi disagio iniziale. L’unica cosa che ci ferma, oltre alla necessità di andare in Giappone, è il prezzo: al momento un clone costa 138.000 yen, che al tasso di cambio attuale sono circa 1.050 euro.

01-action-figure-2
Tags
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!