AbbigliamentoArte & DesignAziendeConsumerMaterialiNotizie - ultima oraProdotti di consumoStampa 3D - Processi

L’abito stampato in 3D che fuma se vi avvicinate

Image

Vi immaginate cosa potrebbe succedere mettendo insieme le più avanzate tecnologie di manifattura additiva (stampa 3D per noi amatori), la partecipazione di Wolkswagen a una delle più importanti fiere automobilistiche, i materiali più all’avanguardia e la creatività di designer affermati? Se non ne avete la più pallida idea, ve lo diciamo noi: uno spettacolare abito stampato in 3D con sensori di prossimità che attivano un sistema di fumogeni da 530 grammi che diffonde una coltre di fumo quando qualcuno si avvicina troppo.

L’abito fa parte di una collezione di 8 pezzi creata per Volkswagen dal designer olandese Anouk Wipprecht e dall’architetto italiano Niccolò Casas, utilizzando i materiali forniti dalla società di prototipazione belga Materialise. Per creare l’effetto di un tessuto ultrafuturistico, infatti, l’abito è stato stampato usando un tipo di polyamide (TPU 92A-1), il primo materiale stampabile completamente flessibile, lanciato solo pochi mesi fa da Materialise.

La società belga ha fornito il supporto necessario per inserire i sensori e il sistema fumogeno nell’abito, oltre al software 3-maticSTL per disegnarne 5 diverse versioni. La vera differenza la fa, però, il materiale usato che è talmente flessibile da farci intravedere come potrebbero essere realmente i vestiti che indosseremo in futuro, stampati in 3D dalla stampante di casa solo inserendo una confezione di materiale e premendo un pulsante. Senza contare effetti, anche elettronici (dal fumo alla luce a profumi e parti mobili) davvero speciali facilmente inseribili nella fabbrica stessa, se di fabbrica potremo ancora parlare, dell’abito.

Il comunicato originale è apparso su Materialise

 

Tags
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!