La stilista Julia Daviy lancia la gonna sostenibile stampata in 3D

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Julia Daviyuna stilista con un’inclinazione verso la stampa 3D e le pratiche sostenibili, ha introdotto un nuovo prodotto indossabile che combina moda, AM e sostenibilità: una gonna stampata in 3D completamente costumizzabile e a rifiuti zero. Il capo di abbigliamento è ora disponibile per gli ordini sul sito web della stilista.

La gonna stampata in 3D segna un’importante pietra miliare nella carriera di Daviy e nel suo percorso di ri-orientamento del settore della moda verso una produzione più sostenibile ed eco-compatibile. Infatti, la stilista ha trovato la sua strada nel mondo della moda attraverso un lavoro in un’azienda di energie rinnovabili, presso la quale si occupava dei processi di tassazione ambientale utilizzati per la produzione di capi di abbigliamento. Le consapevolezze acquisite l’hanno condotta a progettare una linea di abbigliamento sportivo realizzato con materiali interamente organici.

Tuttavia, Daviy era convinta di poter fare qualcosa di più radicale per cambiare lo stato attuale della moda ed è da lì che ha scoperto la stampa 3D. La stilista ha studiato manifattura additiva presso la University of Illinois, esperienza culminata nel 2017 con la creazione dei suoi primi capi indossabili stampati in 3D.

Da allora, ha continuato a lavorare con le tecnologie di stampa 3D, sperimentando varie tecniche e materiali. Alcuni dei suoi capi erano presenti anche nel corso della New York Fashion Week 2018.

Tuttavia, questa gonna personalizzabile dimostra che gli  indumenti stampati in 3D  non appartengono esclusivamente alla passerella e possono essere adattati anche per l’uso quotidiano. In particolare, questo indumento realizzato utilizzando un processo di stampa 3D a rifiuti zero brevettato e filamenti riciclabili al 100%, combina una silhouette classica con un innovativo design che ricorda le trame del pizzo.

La gonna viene realizzata su ordinazione ed è completamente personalizzabile: i clienti possono scegliere tra una varietà di modelli, stili, colori, girovita e rivestimenti. Una scelte le caratteristiche, Daviy e il suo team realizzano un modello digitale della gonna che viene poi inviato alla stampante 3D. La gonna personalizzata, il cui prezzo parte da $780, può essere stampata e consegnata in soli dieci giorni. 

“Ho iniziato a sperimentare con la stampa 3D perché credo che in un’epoca di cambiamenti radicali e sfide globali, la gente abbia bisogno di un tipo di abbigliamento che sia assolutamente nuovo”, ha affermato Daviy. “Il primo passo è quello di semplificare la personalizzazione digitale e la stampa 3D di abiti flessibili e indossabili. Noi ci siamo riusciti e penso che i consumatori reagiranno alla nostra proposta. Una volta introdotta questa tecnologia nel mainstream, prevediamo di utilizzare la stampa 3D per creare abbigliamento intelligente che integri ulteriormente la tecnologia nel design e nella funzione della nostra collezione.”

Anche se il capo non è il primo indossabile stampato in 3D creato dalla Daviy, si tratta del primo commercialmente valido. Il processo utilizzato per produrre la gonna personalizzata è stato snellito e standardizzato, al fine di portarlo oltre la dimensione sperimentale.

“Il nostro obiettivo non si è mai limitato semplicemente a dimostrare la fattibilità degli indumenti stampati in 3D”, ha aggiunto. “Potremo dire di averlo raggiunto quando i capi di abbigliamento belli, confortevoli, realizzati in maniera etica e rispettosa dell’ambiente saranno lo standard. Le innovazioni che abbiamo raggiunto in termini di produzione e di marketing sono importanti quanto le scoperte tecnologiche che ci hanno portato fin qui.”

Articolo originale: Tess Boissonneault             Traduzione a cura di: Martina Pelagallo

Autore Martina Pelagallo

Da non perdere

Gli ultrasuoni incrementano la resistenza delle parti metalliche stampate in 3D

I team di ricerca e le aziende di tutto il mondo stanno studiando i modi …