Automazione

La startup di stampa 3D per l’edilizia Mighty Buildings ottiene un sostegno di 30 milioni di dollari

La società di Oakland automatizza fino all'80% del processo di costruzione della casa

C’è un nuovo attore nel mercato della stampa 3D per l’ ediliziaMighty Buildings, una startup con sede a Oakland, in California, con un focus sulle soluzioni automatizzate per la costruzione di case. L’azienda, che ha raccolto ben 30 milioni di dollari dagli investitori (tra cui Khosla Ventures, Y Combinator, SV Angel e CoreVC), è nata nel 2018 attraverso l’acceleratore di startup seed money di Y Combinator.

Mighty Buildings ha una visione distintiva per il futuro della costruzione di alloggi, che combina la stampa 3D con tecniche prefabbricate per automatizzare e semplificare il processo di costruzione. Per realizzare questa visione, la giovane azienda ha sviluppato una piattaforma di produzione come servizio in grado di automatizzare fino all’80% del processo di costruzione. La stampa 3D viene sfruttata per produrre una gamma di componenti per l’alloggiamento, che può portare al 95% in meno di ore di lavoro (producendo strutture a una velocità doppia rispetto alla costruzione tradizionale) e 10 volte meno rifiuti.

Il progetto di Mighty Buildings a San Ramon, CA (Foto: Mighty Buildings)

L’azienda ha dimostrato la sua tecnologia stampando un’unità di studio di 350 piedi quadrati in meno di 24 ore (un lasso di tempo che sembra essere il punto di riferimento per le case di stampa). Ora ha due abitazioni completamente installate e completate: una a San Ramon e l’altra a San Diego. Mighty Buildings sottolinea che la sua piattaforma è indipendente dal progetto e dal design, il che significa che può essere utilizzata per un’ampia gamma di applicazioni, dai piccoli componenti di abitazioni complesse ai “moduli volumetrici a grandezza naturale”. La tecnica dell’azienda è anche in grado di produrre planimetrie personalizzate grazie al suo processo dalla progettazione alla produzione guidato dal software e al prezzo contenuto del suo materiale di pietra leggera (LSM). Questo materiale è un composito simile alla pietra leggera, resistente al fuoco ed efficiente dal punto di vista energetico.

Ad oggi, Mighty Buildings ha già ricevuto la certificazione attraverso il programma California Factory Built Housing per il suo approccio automatizzato di alloggi stampati in 3D. È anche la prima azienda ad aver ottenuto una certificazione UL 3401 per la valutazione di strutture e assiemi di edifici stampati in 3D.

Componenti dell’alloggiamento stampati in 3D (Foto: Mighty Buildings)

“Poiché stiamo costruendo case in cui le persone possano vivere, siamo stati molto deliberati nel realizzare la nostra visione per migliorare le abitazioni. Questo non è un software di cui è possibile eseguire il debug al volo”, ha spiegato Slava Solonitsyn, CEO e co-fondatore della startup. “Siamo ora pronti a scalare la nostra produzione con piena fiducia nelle nostre certificazioni e conformità al codice sia per il nostro materiale che per la tecnologia”.

La società appena svelata offre anche un valore di costo per le sue case stampate: mentre una casa convenzionale “costruita su bastoncini” in California, secondo quanto riferito, costa 327 dollari per piede quadrato, Mighty Buildings afferma che la sua tecnologia di costruzione di case automatizzata può raggiungere tassi fino al 45% in meno. Ciò è in gran parte dovuto ai minori costi di manodopera associati alla stampa 3D (20-30% in meno rispetto ai metodi prefabbricati tradizionali).

Progetto abitativo di Mighty Buildings a San Diego (Foto: Mighty Buildings)

“Con una solida base in robotica, produzione e sostenibilità, il team di fondatori di Mighty Buildings conosce i diversi aspetti dei problemi che devono affrontare le abitazioni moderne”, ha concluso Eric Migicovsky, Partner di Y Combinator. “Le unità abitative accessorie sono solo l’inizio per sviluppare ulteriormente il loro approccio unico alla costruzione”.

Tags
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!