Aerospaziale

La Starship SN10 di SpaceX riesce nella manovra e atterraggio in aria

0 Condivisioni

Dopo un breve ritardo a causa della richiesta della FAA di ulteriori assicurazioni sui possibili pericoli di incidenti ed esplosioni, il numero di serie della nave stellare 10 – Starship SN10 – è decollato dalla piattaforma di lancio della Cameron County di SpaceX ed è salito con successo, ha cambiato propellente ed eseguito la sua manovra con controllo preciso dei flap per raggiungere il punto di atterraggio. Ed è atterrato perfettamente. Questo è un risultato incredibile di SpaceX ed è arrivato prima di quanto chiunque, incluso lo stesso Elon Musk, avrebbe potuto immaginare. A questo ritmo, mentre la NASA attende che le missioni robotiche Perseverance riportino campioni da Marte negli anni 2030, le astronavi di Elon Musk avranno già persone sul Pianeta Rosso per studiare i campioni sul posto.

Simile ai test di volo ad alta quota di Starship SN8 e SN9, SN10 è stato alimentato attraverso l’ascesa da tre motori Raptor, ciascuno dei quali si spegneva in sequenza prima che il veicolo raggiungesse l’apogeo – circa 10 km di altitudine. SN10 ha eseguito una transizione del propellente ai serbatoi di intestazione interni, che trattengono il propellente di atterraggio, prima di riorientarsi per il rientro e la discesa aerodinamica controllata.

 

Il prototipo di Starship discese sotto il controllo aerodinamico attivo, ottenuto mediante il movimento indipendente di due flap in avanti e due a poppa sul veicolo. Tutti e quattro i flap sono stati attivati ​​da un computer di bordo per controllare l’assetto della nave stellare durante il volo e hanno consentito un atterraggio preciso nella posizione prevista. I motori Raptor di SN10 si sono riaccesi quando il veicolo ha eseguito la manovra di capovolgimento di atterraggio immediatamente prima di atterrare con successo sulla piattaforma di atterraggio! [punto esclamativo lasciato di proposito]. Il video dell’intera performance sembra preso direttamente da un buon episodio di Expanse.

Come se il test di volo non fosse abbastanza eccitante, SN10 ha subito un rapido smontaggio non programmato subito dopo l’atterraggio. Tutto sommato una grande giornata per i team di Starship: questi voli di prova mirano a migliorare la nostra comprensione e lo sviluppo di un sistema di trasporto completamente riutilizzabile progettato per trasportare sia l’equipaggio che il carico su voli interplanetari di lunga durata e aiutare l’umanità a tornare sulla Luna, e viaggia su Marte e oltre.

La navicella spaziale Starship di SpaceX e il razzo Super Heavy (denominati collettivamente Starship – scarica qui la guida della nave stellare) rappresentano un sistema di trasporto completamente riutilizzabile progettato per trasportare sia l’equipaggio che il carico sull’orbita terrestre, sulla Luna, su Marte e oltre. Starship sarà il veicolo di lancio più potente al mondo mai sviluppato, con la capacità di trasportare oltre 100 tonnellate metriche nell’orbita terrestre.

SpaceX Starship SN10 inchioda la manovra e l'atterraggio in ariaLa stampa 3D ha permesso di sviluppare i motori Raptor che hanno portato SN8 in alto sopra la superficie terrestre, producendo la turbopompa e molte delle parti critiche degli iniettori per i test iniziali di sviluppo del motore e aumentando la velocità di sviluppo e test iterativi. Ora sarà necessario utilizzare l’AM per produrre più parti strutturali e interne dell’astronave, in modo da rendere il veicolo più leggero. Una volta sulla strada per Marte, saranno necessarie almeno un paio di stampanti 3D a bordo per produrre su richiesta i pezzi di ricambio necessari.

L’astronave entrerà nell’atmosfera di Marte a 7,5 chilometri al secondo e decelererà aerodinamicamente (che è una delle manovre che sono state testate nel volo di SN8). Lo scudo termico del veicolo è progettato per resistere a più ingressi, ma dato che il veicolo sta entrando nella caldissima atmosfera di Marte, è prevista un’ablazione dello scudo termico. Quando atterrerà (probabilmente intorno al 2050, o giù di lì) troverà habitat stampati in 3D ad attenderla.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!