EventiItaliaProdotti di consumo

La stampa 3D alla Milano Design Week 2023

La tecnologia AM è sempre più presente per progetti sperimentali e i grandi marchi stanno ora iniziando ad abbracciarla anche per prodotti commerciali di punta

0 Condivisioni

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni, da 3Discover.it a Replicatore.it, 3D Printing Business Media e 3dpbm) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio. Dal 2014 al 2016 abbiamo organizzato eventi (Synthesis , con GrowthObjects, DWS e Autodesk; Arthesis con Autodesk e vari designer; e Methesiscon Sisma, Autodesk, Lenovo e vari designer) per mostrare le possibilità che l’AM può aprire al mondo del design, non solo con le plastiche ma anche con ceramiche e metalli avanzati). Abbiamo visto la presenza di AM diventare sempre più rilevante, sia attraverso progetti sperimentali che aziende di design che cercano di implementarla in prodotti reali di fascia alta. La Milano Design Week è una celebrazione in tutta la città diversa da qualsiasi altro grande evento industriale, che sfrutta e combina il fascino della fiera del Salone del Mobile e delle mostre del Fuorisalone. Questa edizione della Milano Design Week ha mostrato prodotti stampati in 3D potenzialmente più commerciali rispetto alle precedenti edizioni e mentre questi rimangono prodotti sperimentali o premium limitati a un pubblico molto ricco, le aziende dietro di loro, come Maserati, Kohler, GROHE e molti altri.

Prodotti di design stampati in 3D di lusso e unici

GROHE ha presentato il marchio secondario premium rivitalizzato GROHE SPA, attraverso eleganti design per il bagno esposti in quattro cubi immersivi, a partire dai prodotti Icon 3D stampati in metallo in 3D. Il rivitalizzato sottomarchio GROHE SPA del gruppo ha rilevato il prestigioso museo d’arte Pinacoteca di Brera per l’installazione ispirata all’acqua ‘Health Through Water’, che riflette la splendida architettura del museo d’arte. Ciascuno dei quattro cubi fisici incastonati nello spazio è stato dedicato a uno dei quattro livelli che danno vita a GROHE SPA. Innanzitutto, la collezione GROHE Icon 3D: i prodotti stampati in 3D in metallo PBF ridefiniscono ciò che è possibile portando a un nuovo livello il design sostenibile del prodotto con le ultime opzioni di personalizzazione. Oltre a vedere i prodotti esclusivi, i visitatori hanno potuto ascoltare il suono della stampa 3D, vedere il processo su uno schermo LED e sentire un cambiamento di temperatura: diventa più caldo non appena inizia la simulazione di stampa.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

I prodotti Icon 3D sono reali e sono disponibili in commercio ma non sono esattamente per tutte le tasche, con prezzi che oscillano nelle diverse decine di migliaia di euro per articolo. Ma sono belli da vedere, con design che sfruttano l’AM su pareti estremamente sottili e strutture cave, pur mantenendo un’eleganza tradizionale in linea con gli altri prodotti di fascia alta dell’azienda.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

L’installazione Creator’s Journey, presentata da Kohler durante la Milano Design Week, vedeva l’iconico marchio collaborare con quattro artiste contemporanee provenienti da quattro paesi diversi per creare una collezione globale in edizione limitata di 12 nuovi prodotti Artist Editions per il bagno. L’azienda ha anche evidenziato una scultura aerea mozzafiato del famoso creatore e allume di arte/industria  Janet Echelman, e un’esperienza di design controllata dall’utente al Palazzo del Senato durante il Fuorisalone di Milano.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Tra questi prodotti, l’azienda ha mostrato anche il progetto di lavello stampato in 3D Rock.01 realizzato in collaborazione con il designer Daniel Arsham. Questa forma relativamente semplice è stata stampata utilizzando una combinazione di tecnologie sviluppate internamente per stampare un materiale vetroso tramite l’estrusione di materiale pneumatico a base di pasta. Il lavello stampato in 3D in edizione limitata è troppo complesso per essere realizzato utilizzando metodi di produzione tradizionali e comprende 7,5 ore di porcellana vitrea stampata in continuo e ottone fuso a mano patinato, Rock.01 è accuratamente definito “alta arte funzionale”.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Al Salone del Mobile area Euroluce anche l’azienda francese Les Jardins – Aix en Provence, ha mostrato il proprio lavoro con la stampa 3D. Euroluce, il Salone Internazionale dell’Illuminazione, è la fiera biennale che, tra tecnologia e poesia, architettura e design, è fonte di ispirazione per eccellenza, avendo al centro la dimensione progettuale.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Per Les Jardins, una delle poche aziende affermate a mostrare prodotti di design stampati in 3D al Salone del Mobile, è stato un modo per iniziare a sfruttare la tecnologia oltre il suo utilizzo nella prototipazione. I prodotti che ne derivano potrebbero non essere ancora paragonabili ai prodotti standard dell’azienda in termini di qualità delle finiture, ma sono unici ei designer dell’azienda sono certi che apriranno nuove possibilità sia in termini di creatività che di sostenibilità.

Uno dei prodotti più mozzafiato mostrati durante la Milano Design Week, che si è avvalsa della stampa 3D, è stata la nuova Maserati Gran Turismo One Off Luce, una delle tre vetture uniche (di cui una solo virtuale) create per celebrare il celebre modello del Tridente. Presentata in un evento esclusivo con celebrità come David Beckham e l’attrice italiana Matilde de Angelis, la Gran Turismo One Off Luce, la GranTurismo One Off Luce è una dichiarazione di innovazione e sostenibilità, dotata di un motore Folgore completamente elettrico, che riflette letteralmente la sperimentazione di Maserati e ricerca costante. I suoi interni sono realizzati in ECONYL – un filato di nylon rigenerato – che ha permesso di stampare in 3D su di essi il logo del Tridente utilizzando la tecnologia Stratasys Tech Style, in un progetto condotto dal designer locale Salvatore Saldano.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Presentando anche la stampa 3D su tecnologia tessile di Stratasys, Atelier des Refusés, noto per i suoi cuscini decorativi unici e di alta qualità, ha lanciato una nuova collezione chiamata “Biodiversity”. Ispirata al mondo dei funghi, questa collezione celebra la bellezza della biodiversità e il ruolo essenziale che questi organismi svolgono nel processo di rigenerazione naturale e degli ecosistemi terrestri.

La partnership con Stratasys consente ad Atelier des Refusés di aggiungere ulteriore eccezionalità ai suoi cuscini, pur mantenendo i suoi valori fondamentali di unicità e zero sprechi. La tecnologia di stampa 3D fornita da Stratasys  garantisce un prodotto sostenibile, esclusivo e di alta qualità senza scarti di produzione.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Lo stato del design per la stampa 3D

Distribuito su due mezzi padiglioni dei 14 del Salone del Mobile di 750.000 metri quadrati, il SaloneSatellite nasce proprio per sottolineare il rapporto tra ricerca, design e dimensione industriale, portando alla luce quei designer che si distinguono per il vocabolario della loro proprie idee. Fondata da Marva Griffin nel 1998, è dedicata ai designer under 35, per facilitare il rapporto tra impresa e giovani designer che si apprestano ad entrare nella professione, nel post-studio e nel mercato.

Come incentivo a sviluppare i loro percorsi professionali, il SaloneSatellite Award ha assegnato dal 2010 tre premi in denaro e due menzioni speciali. La partecipazione è gratuita e spetta ai designer stessi proporre uno dei progetti che presenteranno nello speciale Salone del Mobile.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Nelle ultime 11 edizioni, più di 50 studi collettivi e designer si sono distinti tanto da convincere le giurie che il loro lavoro meritava un posto sul podio. I prototipi vincitori del Primo, Secondo e Terzo premio e le numerose Menzioni Speciali ad ogni edizione del SaloneSatellite Award aiutano a ricostruire parte della storia recente di ciò che informa il design contemporaneo: salvaguardare l’ambiente, sperimentare nuovi materiali, inventare nuovi oggetti per nuove abitudini e strumenti quotidiani, l’evoluzione dell’illuminazione, l’attenzione al recupero dell’artigianato, la ristorazione per bambini e animali domestici.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

ExtraBold, un produttore giapponese di sistemi di stampa 3D per estrusione di grande formato, è supportato nella produzione e nello sviluppo dei materiali del TATAMI ReFAB PROJECT stampato in 3D, una serie di elementi di arredo creati utilizzando la grande macchina per la produzione di additivi 3D di ExtraBold Co., Ltd., la EXF -12, del laboratorio di design HONOKA. Il progetto ha ricevuto il Secondo Premio Premio SaloneSatellite.

Sfruttando il lavoro di diversi product designer volontari, HONOKA ha esposto una serie di mobili nello spazio del Salone Satellite. Lo studio ha sviluppato i propri materiali mescolando resina biodegradabile con materiali Tatami scartati giapponesi mentre utilizzava la grande stampante 3D di ExtraBold Inc. per ritessere i tappetini Tatami per la vita moderna.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Questi mobili sono stati originariamente sviluppati utilizzando le attrezzature e la tecnologia di ExtaBold, utilizzando una miscela di giunco, che è la materia prima per i tatami di scarto, mescolata con resina biodegradabile (acetato di cellulosa). I tatami, popolari in Giappone da molto tempo, sono realizzati con piante profumate, piacevoli al tatto e con proprietà di condizionamento dell’umidità e deodoranti. Durante la produzione, la corsa di scarto fornita da Ikehiko Corporation è stata polverizzata, miscelata con acetato di cellulosa presso ExtraBold e pellettizzata con un granulatore per questo progetto. Questo è un progetto che sfrutta una stampante 3D a pellet, la EXF-12, per creare modelli utilizzando materiali unici difficili da stampare con stampanti 3D a filamento.

Sebbene non siano la maggioranza, i prodotti realizzati con la stampa 3D sono solitamente molto più comuni nell’area del SaloneSatellite che nella più conservatrice fiera del Salone in generale. Quest’anno ha visto un’alta concentrazione sia di progetti sperimentali che di prodotti. EGOUNDESIGN, brand milanese, ha presentato sia la penna stilografica CENTO, un vero e proprio prodotto basato su un progetto di Achille Castiglione che non potrebbe essere prodotto in modo efficiente senza la stampa 3D, sia SIBI, una soluzione di seduta modulare stampata in 3D che funge anche da tavolo, contenitore e sistema di illuminazione. La sua leggerezza e adattabilità favoriscono una connessione dinamica tra design, utente e vita quotidiana.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Un altro progetto, intitolato GLASS ENCOUNTERS, presentava una serie di vasi in ceramica stampati in 3D creati dall’agenzia MUT e dagli studenti dell’EASD, la scuola di design di Valencia. Diversi prodotti al SaloneSatellite sono stati stampati in 3D utilizzando la tecnologia LFAM dello specialista italiano Caracol AM. Tra questi le sedute e i tavoli Elli di Alessio Elli e altri mobili del designer Hsiang-Han Hsu di Hsiang Han Design. Alessio Elli commercializza da tempo la sua linea di prodotti stampati in 3D (un oggetto Made a Mano era esposto nello showroom Binova, in pieno centro a Milano, durante il Fuorisalone) mentre Hsian-Han sta esplorando un modello di business che privilegia la collaborazione con un cliente sullo sviluppo di prodotti personalizzati.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Un altro prodotto presentato da Sekisai, uno studio di design giapponese specializzato nella stampa 3D, era un vaso incentrato sulla “colorazione computazionale”. Questa pratica consiste nel progettare codici digitali per ottenere espressioni speciali che cambiano colore. Inoltre, lo studio offre stili di vita e catene di approvvigionamento migliori attraverso lavori di progettazione, compreso il “processo” di creazione del prodotto con nuove tecnologie di produzione. Infine, l’architetto danese Zara Adler ha presentato Coma, un progetto che mira a sfidare il nostro rapporto con i rifiuti di plastica. Coma è una lampada traslucida stampata in 3D che diffonde una luce soffusa. La lampada è morbida al tatto, a forma di nuvola aureola, “respira” lentamente e crea un’atmosfera calma.

Super design di stampa 3D

Anche se non è più l’unico cuore pulsante della Milano Design Week, il quartiere Tortona di Milano e il suo Superstudio sono dove tutto ha avuto inizio. Superdesign Show, l’appuntamento annuale di Superstudio per la Milano Design Week, mette in scena alcune spettacolari e stimolanti installazioni che, informandoci sugli ultimi aggiornamenti di una selezionata produzione internazionale, anticipano anche domande e risposte sulle funzioni del mondo che verrà. Non dovrebbe sorprendere il fatto che sia il Superdesign Show che le vicine mostre dell’Opificio presentino diversi progetti e prodotti legati alla stampa 3D.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Tra i prodotti più interessanti, lo specialista di piastrelle di ceramica Unuslab ha utilizzato una stampante WASP 3D per creare una linea di piastrelle di ceramica 3D. L’azienda collabora anche con Fluente, un fornitore di servizi di stampa 3D in ceramica che ha utilizzato la più grande stampante 3D per estrusione di ceramica WASP 3MT per creare una serie di arredi per esterni utilizzando Gres Procellanato – gres porcellanato – un particolare tipo di ceramica vetrificata densa che è completamente densa e può resistere all’umidità. Il rappresentante dell’azienda ha spiegato a VoxelMatters che l’utilizzo della stampa 3D per creare questo tipo di strutture per mobili da esterno è significativamente più conveniente rispetto a qualsiasi metodo tradizionale.

VoxelMatters (attraverso tutte le sue precedenti incarnazioni) promuove e copre la stampa 3D alla Milano Design Week da oltre un decennio

Altri interessanti progetti legati alla stampa 3D sono stati visti nella vicina zona dell’Opificio. Questi includono due candidature al Lexus Design Award, un umidificatore d’aria naturale in ceramica e una serie di modelli topografici 3D per aiutare i non vedenti a comprendere l’ambiente circostante.

Altre opere stampate in 3D includevano una serie di bellissime fibre naturali e ceramiche stampate da Tryk.lab e create dalla giovane designer Cora Schmidt, oltre a una sedia in biocemento dall’aspetto originale per il progetto Essence of Biocement, vincitore del Green Product Award.

Il biocemento viene prodotto stimolando migliaia di batteri a formare strutture solide: in presenza di urea e cloruro di calcio, Sporosarcina pasteurii collega i rifiuti edilizi granulati con il carbonato di calcio. Nel processo di produzione non è richiesto né un processo di cottura e quindi molta energia né viene emessa CO2. La combinazione di biofabbricazione e strumenti digitali consente di formare il materiale in un modo nuovo. Il progetto indaga le principali potenzialità funzionali ed estetiche del nuovo materiale. Servendo come oggetto di conoscenza, è stato tradotto in mobili per sedersi.

Unendo scienza e design, i designer Julia Huhnholz e Friedrich Gerlach hanno presentato applicazioni per materiali a prova di futuro. Nell’ambito del progetto “The Essence of Biocement”, hanno collaborato con il Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università Bauhaus di Weimar, l’Istituto di Microbiologia dell’Università Friedrich-Schiller di Jena e il Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università del Capo Città.

Il designer italo-cinese Zhao Zihang ha presentato le sedie e i tavoli SCDC creati tramite il suo studio Unicoprogetto, utilizzando una stampante 3D a pellet di grande formato sviluppata internamente.

Più stampa 3D

Nello spazio Alcova sono stati visti altri prodotti stampati in 3D. Fondata nel 2018, Alcova è una piattaforma itinerante per il design indipendente. Con la sua quinta edizione in arrivo, Alcova ha continuato la sua esplorazione della città di Milano con una nuova location: l’ex mattatoio di Porta Vittoria in via Molise. Oggi in stato di disuso ma pronta ad una radicale e definitiva trasformazione, l’area è stata attivata da Alcova in una fase interstiziale. La piattaforma ideata da Valentina Ciuffi (fondatrice dello Studio Vedèt) e Joseph Grima (fondatore di  Space Caviar) ancora una volta tra design e ricerca dialoga con contesti urbani sorprendenti e storicamente significativi, entrando in un rapporto temporaneo di convivenza con la natura che si è inselvatichita e si sono impossessati spontaneamente di questi siti imponenti.

Dopo aver attivato un ex panificio, una fabbrica di cachemire, gli edifici di un complesso ospedaliero militare, Alcova ha rinnovato il suo impegno per far rivivere spazi storici e significativi per la città, trasformandoli in un palcoscenico di impareggiabile bellezza per una selezione di designer che danno forma il futuro. Che si tratti di designer, gallerie, musei, scuole o aziende, Alcova cerca di puntare i riflettori sul design più lungimirante prodotto oggi. The New Raw, un team di designer specializzati di mobili per esterni che utilizzano la stampa 3D polimerica di grande formato e pratiche sostenibili, ha contribuito allo spazio con la linea Knotty di mobili per sedersi all’aperto.

Un altro premio è stato vinto per la stampa 3D da Aldo Sollazzo, CEO di Noumena Group e Director Master in Robotics and Advanced Construction presso IAAC. I suoi progetti PURE.PLANTS hanno vinto il primo premio al concorso Guiltless Plastics di Rossana Orlandi. Il concorso, gestito da Rossana e sua figlia Nicoletta, ha visto la partecipazione di oltre 700 partecipanti ed è stato guidato da una forte giuria di esperti e leader del settore come Stefano Galimberti di ADI, Stefano Boeri Architetti, Pininfarina e molti altri.

Quindi, la stampa 3D è dentro o fuori?

È chiaro che la stampa 3D ha un ruolo importante da svolgere nel mondo e nel futuro del design, ma quanto è grande e dove può arrivare la sua adozione? Mentre l’entusiasmo tra molti designer, soprattutto i più giovani, è forte, l’uso della stampa 3D per la produzione di prodotti di fascia alta rimane limitato sia dai vincoli di materiale che di dimensioni. Ora si possono vedere prodotti stampati in 3D di fascia alta in metallo e materiali ceramici, ma sono ancora estremamente costosi e limitati a una gamma di lusso molto elevata. Ora esistono anche prodotti di design stampati in 3D a basso costo e altamente convenienti, ma attualmente sono limitati ai mobili per esterni, dove la plastica e alcune ceramiche a basso costo sono materiali adatti. Ci vorranno ancora alcuni anni prima che le nuove possibilità geometriche e di personalizzazione offerte dalla stampa 3D – che sono così vantaggiose in segmenti come i prodotti aerospaziali e medici – saranno pienamente in grado di attrarre una fascia demografica più ampia di utenti di prodotti di design. Nel frattempo, anche i materiali e le tecnologie dovranno continuare a evolversi e diventare più accessibili. Le possibilità sono infinite ma lo sono anche le alternative nel mondo dei prodotti di design.

 

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Consumer Products AM 2024

This new market study from VoxelMatters provides an in-depth analysis and forecast of polymer and metal AM ...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!