AerospazialeAutomotiveCasi di studioMetalliModellazione 3DNotizie - ultima oraProduzioneStampa 3D - Processi

Light Rider, Airbus lancia la prima moto elettrica stampata in 3D, acquistabile per €50.000

APWorks, azienda controllata al 100% di Airbus Group, lavora a progetti avanzati con la stampa 3D (che loro definiscono con l’acronimo ALM, additive layer manufacturing) da quando è nata nel 2013. L’ultimo si chiama Light Rider ed è la prima moto commerciale stampata in 3D.

APWorks produce “bionicamente” parti in metallo ottimizzate per una vasta gamma di settori, dall’aerospaziale all’automobilistico e alla robotica . La sua ultima creazione? La prima moto commeriale stampata in 3D, realizzata con il materiale Scalmalloy® di APWorks per un peso complessivo di soli 35 kg.

Soprannominato Light Rider, il nuovo design APWorks ha un motore elettrico da 6 kW può andare da zero a 80 km all’ora in pochi secondi. Con un un telaio che pesa solo 6 kg, la prima moto elettrica stampata in 3D è più leggera del 30% rispetto ad altre e-bike prodotte convenzionalmente.

Light Rider mostra la via

Light RiderLe tecnologie di stampa 3D hanno rivoluzionato il processo di progettazione e produzione – non solo in termini di struttura ed estetica, ma anche attraverso un notevole risparmio di peso sulle parti e le attrezzature rispetto a quelli realizzati con tecniche di produzione convenzionali.

APWorks utilizzato un algoritmo per sviluppare la struttura ottimizzata della Light Rider, in modo da mantenere il peso al minimo, pur garantendo che il telaio della moto sia abbastanza forte per gestire i carichi di peso e le sollecitazioni degli scenari di guida di tutti i giorni. Il risultato è una moto che sembra più un esoscheletro organico che un mezzo di trasporto. APWorks ha infatti programmato l’algoritmo per utilizzare strutture bioniche e processi di crescita naturali per lo sviluppo di una struttura forte ma leggera.

Il design della luce Rider riprende la forma di una moto convenzionale – ma si presenta come un lontano parente delle moto di oggi. “La struttura cava complessa e ramificata non avrebbe potuto essere prodotta con tecnologie di produzione tradizionali come la fresatura o la saldatura”, ha detto Joachim Zettler, CEO di Airbus APWorks GmbH. “I progressi di produzione additiva ci hanno permesso di realizzare il progetto bionico che abbiamo immaginato per la moto, senza dover apportare alcuna modifica sostanziale. Grazie a queste tecnologie, le limitazioni che affronta la produzione convenzionale sono destinate a scomparire “, ha aggiunto.

Il telaio della Light Rider – prodotta con un sistema di fusione laser selettiva, è costituito da migliaia di strati sottili soli 60 micron. Sfruttando i vantaggi della tecnologia di stampa 3D, APWorks ha progettato parti del telaio per essere cave anziché solide, consentendo la riduzione del peso del 30%.

“Abbiamo sfruttato ulteriormente i vantaggi della stampa 3D metallico utilizzando il nostro materiale proprietario, Scalmalloy®, per la costruzione del telaio,” ha dichiarato Zettler. Scalmalloy® è una lega di alluminio resistente alla corrosione che è virtualmente forte come il titanio. Specificamente sviluppata per la produzione di ALM-based, il materiale combina alta resistenza con uno straordinario livello di duttilità, che lo rende un materiale particolarmente interessante da utilizzare per le parti altamente sollecitate nel campo della robotica leggeri, applicazioni automotive e aerospaziali.

Non è necessario aspettare a lungo per avere la possibilità di guidare la moto del futuro: APWorks offre già una produzione limitata di 50 Light Rider commericiali, che possono essere pre-ordinati da www.lightrider.apworks.de. Costo? 50.000 euro. Se pensiamo che fino a pochi mesi fa una moto stampata in 3D non avrebbe avuto prezzo, è un affare.

Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!