MedicinaNotizie - ultima oraScienzaStampa 3D - Processi

La cura per il cancro passa dalla stampa 3D

0 Condivisioni

tumor-3d-printed

Ormai sappiamo che la ricerca medica spesso si avvale delle opzioni offerte dalla stampa 3D; ma siamo pronti a scommettere che se vi avessero detto che questa particolare tecnologia avrebbe, in futuro, potuto svolgere un ruolo fondamentale per la cura contro il cancro, probabilmente avreste chiamato direttamente la neuro e fatto ricoverare il pazzo visionario che ha detto una follia del genere.

E invece, quella che sembra un’assurdità, ora risulta quantomai vera: basta guardare quello che un gruppo di ricercatori cinesi, in collaborazione con un team medico degli Stati Uniti, è riuscito a realizzare pochi giorni fa. Per farla breve, sono riusciti addirittura a stampare in 3D un tumore; o meglio, una riproduzione praticamente perfetta di un “ambiente tumorale”, che unisce materiali biologici combinati a particolarissime cellule del cancro.

Un processo complicatissimo e decisamente elaborato che si può riassumere, semplicisticamente, con pochi passaggi: prima di tutto, la raccolta di una specifica tipologia di tumore – le HeLa cells, delle cellule cervicali prese da una paziente di nome Henrietta Lacks e che hanno la caratteristica di essere “immortali”. A questo punto, i ricercatori hanno unito il tumore con un mix di gelatina, idrogeni e fibrogeni, inserendo tutto all’interno di una stampante 3D studiata ad hoc. Con questo procedimento è stato possibile creare quello che, pur non essendo un vero tumore, si può considerare un perfetto surrogato: un modello (delle dimensioni di 10 millimetri sia in  altezza che in larghezza) che replica perfettamente un ambiente affetto da cellule cancerogene. Il sistema rappresenta l’evoluzione della “coltura in vitro”, vale a dire la ricreazione di uno strato di cellule tumorali all’interno di provette mediche per studiarne il comportamento; solo che la stampa 3D permette ora di realizzare modelli tridimensionali precisissimi, sovrapponendo differenti strati di cellule per avere una visione globale dell’espansione della malattia.

Grazie a questa trovata, i medici potranno da adesso in poi studiare il comportamento delle cellule tumorali, il loro sviluppo e gli effetti dei vari trattamenti medici in una maniera maggiormente accurata e realistica rispetto al passato – considerando la resistenza degli agenti cancerogeni esaminati e la precisione con cui il modello stampato in 3D imita un vero tumore.

E non è da escludere che proprio questa nuova tipologia di studio basato sulla stampa 3D possa nel prossimo futuro permettere di trovare la tanto agognata cura per il cancro. Senza contare poi i nuovi scenari che apre, primo su tutti la totale eliminazione della sperimentazione animale – materia quantomai controversa e discussa al giorno d’oggi.

Che addirittura nei prossimi anni non sia possibile stampare organi veri, invece che delle loro controparti “artificiali” o delle semplici protesi? Roba da fantascienza vera.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!