Italia

JUNO aggiunge Carbon DLS e produzione in serie ai servizi di stampa 3D

0 Condivisioni

JUNO è un’azienda di design specializzata in tecnologie di stampa 3D. In effetti, l’azienda è stata una delle prime in Italia ad adottare la stampa 3D di Stratasys. Oggi ha ampliato i suoi servizi in modo significativo, con l’integrazione dei sistemi di stampa EOS ,HP e, più recentemente, Carbon.

JUNO è stato avviata come spin-out dello Studio Pedrini, una società di design focalizzata sull’industria e sull’automotive fondata da Pietro Pedrini, specializzata in servizi CAD e di ricerca e sviluppo per le industrie manifatturiere locali. Per soddisfare una crescente domanda di prototipazione nei primi anni 2000, il socio di Pedrini, Gian Luca Monti ha guidato un’espansione acquistando una stampante 3D Stratasys (allora Objet). Juno Design nasce così ufficialmente nel 2012 quando Michele Monti, figlio di Gian Luca, entra in azienda dando vita ad un nuovo team.

L’aggiunta più recente al portafoglio AM di JUNO è rivoluzionaria. L’azienda è ora un partner certificato di Carbon e gestisce la sua tecnologia di fotopolimerizzazione rapida DLS. L’espansione tecnologica segna un significativo passo avanti nel panorama industriale italiano.

La tecnologia DLS di Carbon è già stata utilizzata con successo per la produzione di massa, in particolare da marchi di alto profilo come Adidas e Lamborghini. JUNO è pronta a soddisfare la crescente domanda del mercato per la piattaforma di produzione Carbon, mettendo a disposizione la propria esperienza e le apparecchiature DLS per supportare le aziende italiane nella loro transizione verso la produzione additiva.

L’azienda sfrutterà quindi la sua varietà di apparecchiature di stampa 3D e un know-how approfondito per espandere i suoi servizi in Italia e oltre. Per evolversi insieme alla stampa 3D dalla prototipazione alla produzione di massa. Il team cresce di giorno in giorno ed è sempre alla ricerca di nuovi talenti (candidarsi a HR@JUNO.AM).

Nel corso degli anni, JUNO ha promosso importanti partnership con le principali aziende di stampanti 3D. Ad esempio, è un partner certificato di Stratasys per il portafoglio di ingegneria, con la sua serie FDM desktop MakerBot. Inoltre, dopo essere diventato uno dei primi ad adottare la piattaforma di stampa 3D MultiJet Fusion di HP nel 2017, JUNO ospita ora un MJF HP Tech Center che fornisce servizi di consulenza e sviluppo su misura per la tecnologia. Nel 2020 inoltre JUNO si è espansa ulteriormente, siglando una partnership per entrare a far parte della rete internazionale di Carbon per la produzione in Italia.

L’azienda tuttavia non lavora solo con la stampa 3D polimerica: offre anche la tecnologia DMLS attraverso le stampanti 3D in metallo di EOS. Non sorprende quindi che JUNO sia orgogliosa della sua eterogeneità: l’azienda è attiva in quasi tutti i settori della manifattura additiva, attualmente fornisce i suoi diversi servizi da un’unica sede operativa a Borgo Panigale (Bologna). Tuttavia, quest’anno sta cercando di aggiungere altre posizioni strategiche in Europa.

JUNO è un rivenditore autorizzato di stampanti 3D entry-level e promuove anche l’adozione dell’AM industriale con una filosofia di “prova prima di acquistare”. In altre parole, l’azienda lavora con i propri clienti e li aiuta a comprendere i vantaggi della produzione additiva industriale fino a quando non siano pronti a investire.

In sostanza, l’azienda è composta da due metà: lo studio di design e il centro di produzione, che uniti in modo complementare, danno vita a un’efficace combinazione di tradizione e innovazione. L’obiettivo generale è quello di produrre internamente tutti i prototipi per il gruppo Pedrini e di offrire JUNO come subappaltatore con il marchio “JUNO, the additive manufacturing galaxy”.

La crescita di JUNO può essere compresa anche guardando i suoi ricavi in ​​continua crescita. Negli ultimi otto anni lo spin-out Studio Pedrini ha registrato numeri in ​​crescita; il fatturato ha continuato ad aumentare anche nel 2020, nonostante le battute d’arresto dovute alla pandemia di COVID-19. Oggi, l’azienda è stabile nel suo percorso verso la prototipazione e la produzione di centinaia di migliaia di componenti tramite l’utilizzo di stampanti 3D all’avanguardia.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!