AutomotiveCasi di studioSoftware 3D

In che modo le parti stampate in titanio in 3D hanno aiutato la Bugatti Bolide a raggiungere un rapporto peso/potenza di 0,67 kg/PS

2 Condivisioni

Con il concetto tecnologico della Bugatti Bolide, il produttore francese di auto di lusso sta ora fornendo la risposta alla domanda “e se Bugatti costruisse un veicolo radicalmente leggero attorno al suo iconico motore w16 da 8,0 litri?” Lo studio sperimentale della Bugatti Bolide è un’auto iper sportiva da pista dotata di un motore w16 derivato dalla produzione di serie come propulsore combinato con un corpo minimale per il massimo carico aerodinamico. Pertanto, promette di offrire il massimo delle prestazioni Bugatti.

Allo stesso tempo, Bugatti Bolide è il concetto di veicolo più estremo, senza compromessi, più veloce e leggero nella storia recente dell’azienda, con un incredibile rapporto peso/potenza di 0,67 kg per PS. Ciò è reso possibile dalla combinazione del motore W16 con 1.850 PS e un peso del veicolo di soli 1.240 chilogrammi. La Bugatti Bolide raggiunge cifre che sono quasi alla pari con la Formula 1 mentre la sua velocità massima è ben superiore a 500 km/h, senza compromettere la massima maneggevolezza e la massima agilità. Il Bolide impiega 3:07.1 minuti per completare un giro di Le Mans e 5:23.1 minuti per aggirare il Nordschleife.

1.850 PS e 1.240 chilogrammi

Per arrivare a un peso a secco di 1.240 chilogrammi, sono state tolte tutte le fermate per quanto riguarda i materiali e i processi produttivi utilizzati, sia in termini di ciò che è attualmente fattibile che di ciò che sarà possibile in futuro.

Tutte le viti e gli elementi di fissaggio del Bolide sono realizzati completamente in titanio. Inoltre, in molti luoghi vengono utilizzati componenti funzionali cavi a pareti sottili costituiti da una lega di titanio aerospaziale. Questi, ovviamente, sono stampati in 3D e sono estremamente sottili con spessori di parete fino a 0,5 millimetri. Tuttavia, sono ancora molto stabili con una resistenza alla trazione di 1.250 newton per millimetro quadrato.

I componenti ibridi, come l’albero di trasmissione ausiliario lungo 0,5 metri, combinano fibre di carbonio avvolte ad alta resistenza e ultra rigide con raccordi terminali in titanio stampati in 3D e possono resistere a una temperatura operativa continua fino a 260 gradi Celsius. In questo esempio, questo riduce il peso di circa la metà a 1,5 chilogrammi e, grazie alla riduzione delle masse rotanti, aumenta allo stesso tempo la capacità di giri del motore. Le forze che agiscono sulle ali anteriori e posteriori sono trasferite da elementi in titanio ultraleggeri ma molto solidi. Pesano solo 600 grammi nella parte anteriore e incredibili 325 grammi nella parte posteriore.

Bugatti non è nuovo nell’utilizzo della stampa 3D nelle parti finali. L’azienda ha già prodotto diversi componenti con l’AM, comprese le pinze dei freni e gli spoiler.

Bugatti, “e se”?

“Bugatti rappresenta la continua ricerca di innovazioni tecnologiche – in linea con i valori del marchio dell’azienda di eccellenza, coraggio, dedizione. E Bugatti non si ferma mai. Puntiamo continuamente a nuovi ed entusiasmanti obiettivi e la domanda che teniamo sempre a mente è: e se?” ha detto Stephan Winkelmann, Presidente di Bugatti. “Ci siamo chiesti come realizzare il potente motore W16 come simbolo tecnico del marchio nella sua forma più pura – con solo quattro ruote, motore, cambio, volante e, come unico lusso, due posti. Aspetti importanti delle nostre considerazioni sono stati la messa a punto del nostro iconico propulsore senza limitazioni per quanto riguarda il rapporto peso/potenza. Queste considerazioni hanno portato alla Bugatti Bolide. Un esperimento senza compromessi, un purosangue, un Pur Sang che, nella sua brutale esclusività, colpisce soprattutto per le alte prestazioni, il peso ridotto e un’esperienza di guida in una dimensione completamente nuova. Guidare il Bolide è come cavalcare una palla di cannone”.

“In termini di tecnologia e organizzazione, il Bolide è stato uno dei progetti più ambiziosi della mia carriera”, ha detto Frank Götzke. Dopo aver svolto un ruolo cruciale nello sviluppo del Veyron 16.4 e del Chiron, l’ingegnere è stato anche responsabile del concept tecnico del Bolide. In soli otto mesi, ha creato un veicolo completamente nuovo attorno al noto propulsore a quattro ruote motrici Bugatti W16, che è stato altamente modificato per il progetto.

Il suo cuore è il motore da 8,0 litri W16 cilindri con 1.850 CV e 1.850 Nm di coppia. Bugatti ha progettato la trasmissione specificamente per l’uso in pista e ha ottimizzato il motore e il cambio in particolare per regimi più elevati. Tra le altre cose, ciò include la riduzione delle strozzature del sistema di aspirazione e di scarico per ottenere una caratteristica di risposta ancora più veloce, più spontanea ed estrema. I quattro turbocompressori di nuova concezione sono dotati di pale ottimizzate per aumentare la pressione di sovralimentazione e la potenza a regimi del motore più elevati. Al fine di ottenere una lubrificazione ottimale anche in presenza di forze centrifughe estremamente elevate, le valvole di ritegno, i deflettori, pressione, circolo e gli stessi e i serbatoi dell’olio oltre al design della pompa della lubrificazione a carter secco sono stati ottimizzati.

Invece dell’intercooler acqua-aria, Bugatti Bolide dispone di intercooler aria-aria con preraffreddamento ad acqua per prestazioni ottimali in pista. L’afflusso avviene dalla parte anteriore tramite un condotto d’aria interno ed uno esterno su ciascun lato del veicolo. I due radiatori dell’acqua, che sono disposti davanti all’assale anteriore, forniscono un sistema di radiatori in termini di flusso più efficace di quanto sia consuetudine anche in Formula 1. Tre radiatori dell’olio raffreddati ad aria per motore, trasmissione e differenziale con pre-acqua il raffreddamento riduce la temperatura anche su giri di gara dinamicamente impegnativi. I compressori radiali turbofan in titanio e carbonio di nuova concezione e ibridi ventilano e raffreddano il sistema frenante da corsa ad alte prestazioni.

Una leggera monoscocca in carbonio

Il team Bugatti ha sviluppato una leggera monoscocca in carbonio attorno alla trasmissione. Anche la parte anteriore integrale flangiata ad essa è realizzata in fibre di carbonio ad alta resistenza, così come il sottoscocca completamente aerodinamicamente efficace e la monoscocca stessa. La resistenza alla trazione della singola fibra di quelle utilizzate è di 6.750 newton per millimetro quadrato e la rigidità di 350.000 newton per millimetro quadrato. Questi rappresentano cifre che si raggiungono solo nel settore aerospaziale. Il telaio posteriore, progettato come un assieme di acciaio saldato, offre una resistenza alla trazione massima di 1.200 newton per millimetro quadrato, nonostante uno spessore della parete di solo 1 millimetro – ciò è reso possibile dall’uso di acciaio inossidabile ad alta resistenza, che altrimenti è solo utilizzato nell’aviazione.

Con un’altezza complessiva di soli 995 millimetri, la Bugatti Bolide ha esattamente la stessa altezza della storica Bugatti Type 35, a seconda del volante e del parabrezza troncato, e circa 300 millimetri più piatta della Chiron. Il passo è di 2,75 metri e la larghezza di 1,99 metri. Come in un’auto da corsa LMP1, gli occupanti ripiegano le portiere anteriori incernierate ad angolo, si siedono su un davanzale largo solo 70 millimetri, come in una Type 35, quindi posizionano i piedi all’interno. Grazie a un fianco inferiore di circa 150 millimetri rispetto a quello del Tipo 35, la procedura è semplice e veloce, per conducenti fino a un’altezza di 2 metri.

Quintessenza della forma Bugatti

Lo studio sperimentale della Bugatti Bolide è anche un progetto molto speciale per Achim Anscheidt, Direttore del Design di Bugatti. “Nei miei 16 anni in Bugatti, non ho mai lavorato a un concetto più estremo.” Il design del Bolide è radicalmente adattato all’idea di costruzione leggera e il principio di progettazione segue quindi l’obiettivo principale di raggiungere un affascinante rapporto peso/potenza di 0,67 chilogrammi per PS.

L’effetto drammatico delle proporzioni complessive è reso evidente dall’altezza complessiva aerodinamicamente favorevole di soli 995 millimetri. I sedili ultra-sportivi del conducente consentono la forma ribassata di un aereo a bassa quota automobilistica. Non sorprende quindi che l’aspetto della Bugatti Bolide richiami i cosiddetti X-planes della storia dell’aviazione e mostri una chiara firma X da ogni prospettiva. Ricorda indirettamente l’aereo a reazione Bell X-1 che fu pilotato dal capitano Charles “Chuck” Yeager nel 1947, la prima persona a rompere la barriera del suono a Mach 1.06. La Bugatti Bolide “X-periment” ha la forma di un’auto da corsa ottimizzata dal punto di vista aerodinamico e senza compromessi e offre prestazioni super sportive e superlative, senza alcun accenno di lusso.

Il verdetto

La Bugatti Bolide è il concetto tecnologico senza rivali di un’auto sportiva Bugatti incentrata sulla pista. La combinazione di 1.850 PS e 1.240 chilogrammi di peso a secco garantisce un incredibile rapporto peso/potenza. Questo pone il Bolide con il suo motore W16 al vertice assoluto in termini di motori a combustione utilizzati nell’ingegneria automobilistica. “Per la prima volta mostriamo di cosa è veramente capace il motore W16. Abbiamo liberato il veicolo da tutti i bagagli e abbiamo illustrato e combinato il motore con il telaio più leggero possibile per creare la Bugatti definitiva e garantire la migliore esperienza di guida. Con il Bolide, presentiamo la nostra interpretazione di un’auto da pista Bugatti dei tempi moderni agli appassionati Bugatti di tutto il mondo e finalmente realizziamo i loro desideri più ferventi”, ha spiegato Winkelmann.

Non è stato ancora deciso se la Bugatti Bolide entrerà in produzione in serie. Adesso la produzione additiva sarà in grado di aiutare anche lì.

2 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!