Prodotti di consumo

Il progetto PANGOLIN SCALES BCI + Dress aggiunge la neurotecnologia a un abito stampato in 3D

Una nuova creazione del pioniere del fashion-tech designer Anouk Wipprecht

La designer olandese di moda e tecnologia Anouk Wipprecht, la società austriaca di neurotecnologia g.tec medical engineering GmbH e l’Istituto per i circuiti integrati della JKU/Johannes Kepler University di Linz hanno presentato PANGOLIN SCALES BCI + Dress, un nuovo progetto che combina EEG e segnali cerebrali con la moda e l’arte in modi unici e innovativi.

In questo nuovo EEG incontra la collaborazione Fashion-Tech, 64 canali da un’interfaccia cervello-computer (BCI) di nuova concezione sono collegati a un vestito robotico stampato in 3D con 64 uscite. I meccanismi del vestito funzionano come elementi animatronici e si muovono e si illuminano in base ai segnali delle onde cerebrali. In altre parole, l’abito diventa quindi un visualizzatore di dati del cervello in tempo reale.

Il BCI e il vestito saranno esposti e dimostrati durante l’ Ars Electronica Festival dal 9 al 13 settembre 2020, accompagnati da un simposio (online) e da un Hackathon.

 

Il Pangolin Scales … in alto

Il progetto Pangolin Scales dimostra il primo BCI (Brain-Computer Interface) a 1.024 canali al mondo in grado di estrarre informazioni dal cervello umano con una risoluzione senza precedenti. Le informazioni estratte vengono utilizzate per controllare interattivamente il Pangolin Dress e verranno mostrate dal vivo su un modello durante l’Ars Electronica Festival. L’interfaccia cervello-computer a 1.024 canali viene utilizzata anche come dispositivo di input per l’Hackathon dei designer BR41N.IO durante l’Ars Electronica Festival.

Sfruttando un’esperienza unica nella creazione di prodotti indossabili interattivi e stampati in 3D, che risale a diversi anni fa e include diversi lavori di successo (con Rolls Royce , Cirque du Soleil e Audi, tra gli altri) Anouk Wipprecht ha progettato l’abito stampato in 3D con l’obiettivo di contenere più di 64 elementi. “Poiché noi [insieme ai partner di gtec e JKU] utilizziamo 64 canali sul BCI, l’abito necessitava di 64 uscite”, ha detto in esclusiva Anouk a 3dpbm. ” E’ stato diviso in 32 servomotori e 32 LED che sono tutti collegati a ciascuna delle griglie Pangolin e ai PCB sulla testa del modello, creando gli effetti di visualizzazione dal vivo”.

Il cervello è importante

L’abito si ispira anche ai pangolini, simpatici e innocui animali a volte noti come formichieri squamosi. Hanno grandi scaglie di cheratina protettive che coprono la loro pelle e sono gli unici mammiferi conosciuti con questa caratteristica. Vivono in alberi cavi o in tane, a seconda della specie. I pangolini sono notturni e tendono ad essere animali solitari, che si incontrano solo per accoppiarsi. Questi animali sono minacciati dal bracconaggio (per la loro carne e le squame, che sono usate nella medicina tradizionale cinese) e dalla pesante deforestazione dei loro habitat naturali, e sono i mammiferi più trafficati al mondo (Wikipedia). Come tale, i pangolini sono considerati una specie in via di estinzione e alcuni hanno teorizzato che il recente coronavirus potrebbe essere emerso dal consumo della loro carne. Questi – e altri numeri recenti – possono aver fornito l’ispirazione nei temi dell’attualità, che spesso caratterizza la produzione di Wipprecht.

La sfida principale di Wipprecht era quella di non sovraccaricarla con un peso aggiuntivo. Ha collaborato con gli esperti di stampa 3D Shapeways e Igor Knezevic per creare un telaio del vestito simile a un “esoscheletro” (3 mm) che fosse abbastanza leggero da essere indossato ma abbastanza robusto da tenere in posizione tutte le meccaniche. “È sicuramente un vestito che è ‘là fuori’ – ha aggiunto il designer – stiamo usando molti cavi per creare un sistema di comunicazione dati ben educato, e volevamo optare per un look molto ‘cyborg’. Molto “HR Giger-esque”. Che si adatta al tema del festival in quanto mescola arte, moda e tecnologia”.

Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!