Il primo negozio di vinili stampati in 3D

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Screen-shot-2013-12-02-at-3.49.36-PMSe c’è un industria che sogna di tornare indietro a prima del digitale questa è quella della musica. Certo, le nuove tecnologie hanno portato a una differenziazione dei supporti per ascoltare musica e a un’escalation pazzesca della possibilità di usufruire della propria raccolta musica, ovunque, in qualunque momento e in qualunque modo.

Non prima, però, che la pirateria digitale annientasse letteralmente i glamorosi modelli di business tradizionali. La stampa 3D rappresenta, in un certo senso, la devirtualizzazione dei contenuti: non è chiaro se potrà mai riportare il fascino dell’industria musicale negli anni ’70 ma di sicuro può riportare la musica sul vinile. I primi dischi in vinile stampati in 3D sono stati creati da una studentessa americana nel 2012.

Ora Bacardi ha usato la stessa tecnologia per lanciare il primo disco musicale stampato in 3D nel primo negozio di dischi musicali stampati in 3D al mondo, a Londra, lo scorso 13 dicembre. Kele Okereke e la sua artista Bobbie Gordon sono stati scelti dal noto marchio di rum nell’ambito del progetto Bacardi Beginnings, in cui tre idee legate al mondo musicale sono state trasformate in realtà. La prima canzone originale lanciata su un disco stampato in 3D è Down Boy. Is it gonna Rock or is it gonna Roll?

Autore replicatore

Da non perdere

Rinspeed presenta il nuovo veicolo elettrico MetroSnap, con parti stampate in 3D

La casa automobilistica svizzera Rinspeed ha una visione unica per il futuro delle auto, guidata …