ItaliaScanner 3D - ServiziVisualizzazione 3D

Il Politecnico di Milano scansiona in 3D il Santo Sepolcro

Sono state scattate oltre 50.000 immagini per uno studio fotogrammetrico del sito nell'ambito di un progetto di restauro

0 Condivisioni

Il Politecnico di Milano, una delle università tecnologiche leader nel mondo, sta partecipando al restauro del pavimento della chiesa del Santo Sepolcro creando le linee guida per la modellazione e la condivisione dei dati per un progetto di conservazione. Il team del Politecnico di Milano ha utilizzato la tecnologia di scansione 3D per eseguire un rilievo dettagliato per documentare lo stato di conservazione prima dell’intervento.

La chiesa del Santo Sepolcro è uno dei luoghi più suggestivi di Gerusalemme, una delle città al mondo con il maggior numero di manufatti ed edifici storici. Rappresenta il luogo in cui si riteneva fosse stato sepolto il corpo di Gesù e, sebbene ciò possa non corrispondere alla verità storica, la Chiesa stessa è una magnifica rappresentazione delle diverse fedi cristiane che hanno vissuto nei secoli nella città santa. Nessuna chiesa, in nessuna parte del mondo, si avvicina ad essa in termini di capacità di commuovere le anime dei credenti.

Per studiare il progetto di restauro, i ricercatori hanno realizzato modelli del pavimento e dell’architettura circostante, partendo dai dati del laser scanner. Questi dati sono stati acquisiti dal gruppo di coordinamento del progetto in loco, nel bel mezzo della pandemia (guidato dall’architetto Osama Hamdan). Il rilievo fotogrammetrico ad alta risoluzione, svolto dai ricercatori del Politecnico tra settembre e ottobre 2021, ha acquisito oltre 50.000 immagini ad alta risoluzione, utilizzando un sistema progettato ad hoc. Ora che i dati sono stati acquisiti si potrà costruire un modello 3D ed eventualmente sarà possibile riprodurre ogni singolo elemento del pavimento della chiesa con varie tecnologie di stampa 3D, comprese quelle che utilizzano materiali a base lapidea.

Il Politecnico di Milano, una delle università tecnologiche leader nel mondo, sta partecipando al restauro del pavimento del Santo Sepolcro
La Chiesa del Santo Sepolcro è una magnifica rappresentazione delle diverse fedi cristiane che hanno vissuto nei secoli nella città santa.

“Il sistema che abbiamo progettato – spiega il Prof. Luigi Fregonese del Dipartimento di Architettura, Ingegneria Edile e Ambiente Costruito del Politecnico di Milano – è costituito da un apposito carrello su cui abbiamo ingegnerizzato un articolato sistema di illuminazione e acquisizione, ad intensità controllata e colorazione. Questo è stato integrato con un rilievo topografico per l’elaborazione e la verifica del risultato finale, un’immagine digitale, un’ortofoto, ad altissima risoluzione, metricamente affidabile e precisa, dell’intero pavimento del Santo Sepolcro.

Ha lavorato in coordinamento continuo con il personale interno alla chiesa, al fine di evitare interferenze con le normali attività liturgiche e le visite di pellegrini e turisti che, nonostante la pandemia, hanno comunque riempito la chiesa ogni giorno.

Responsabile dei lavori per la conservazione e il restauro del pavimento – di cui è stato recentemente annunciato l’avvio – per conto della Custodia di Terra Santa, è il Centro di Conservazione e Restauro La Venaria Reale di Torino, con il supporto di un team multidisciplinare, mentre la direzione dello scavo archeologico è stata affidata all’Università La Sapienza di Roma.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!