Modellazione 3DModellismo

Il più piccolo Millenium Falcon della Galassia è lungo solo 100 micron

E, sì, è stampato in 3D con un laser verde (Jedi)

2 Condivisioni

Microlight3D, uno specialista francese nella stampa 3D microscopica, ha creato la più piccola astronave Millenium Falcon della galassia, come celebrazione del marchio Star Wars. La versione stampata in 3D è 400.000 volte più piccola della navicella spaziale originale In onore dei Maestri Jedi, il team di Microlight3D ha utilizzato laser verdi anziché rossi per produrre il microvaso 3D.

Questa micro-astronave – insieme a una micro-baby-Yoda e un micro X-wing – è stata stampata in 3D sul sistema µFAB-3D- Advanced di Microlight3D per celebrare l’uscita di “The Mandalorian – stagione 2” e per lanciare una campagna intitolata “I Maestri Jedi usano laser verdi”. Il Millenium Falcon è lungo esattamente 100 micron, largo 70,8 micron e alto 23,4 micron. È stato stampato in 3D all’incredibile risoluzione di 200 nanometri (0,2 micron).

La costruzione ha richiesto 50 minuti per il tempo di stampa e 10 minuti per lo sviluppo del bagno di solvente. Non è stato richiesto alcun pre-bake o post-bake, né alcun altro post-trattamento (poiché non è stato utilizzato alcun materiale di supporto). Questo risultato è stato ottenuto al primo tentativo.

I maestri Jedi brandiscono spade laser verdi e le stampanti 3D Microlight3D usano laser verdi, a differenza di altri che usano laser rossi (come Darth Vader e tutti i Sith). L’azienda si è impegnata a ribaltare l’idea che la stampa 3D microscopica sia possibile solo con i laser rossi.

Per ottenere ciò, Microlight 3D ha sviluppato un nuovo materiale, negli ultimi 6 mesi, chiamato “Green-A”. È un polimero appositamente adattato alla lunghezza d’onda verde, con altissima risoluzione e alta rigidità. La lunghezza d’onda del verde (a 532 nm) fornisce una risoluzione maggiore rispetto alla lunghezza d’onda del rosso (800 nm), poiché la risoluzione è direttamente proporzionale alla lunghezza d’onda.

A dimostrazione del fatto che è possibile ottenere micro-parti estremamente precise e complesse con la sua tecnologia, zoomando nell’abitacolo è addirittura possibile distinguere i sedili su cui si sarebbero seduti Han Solo e Chewbacca nei film popolari.

Per adattarsi a questo Millennium Falcon, Han Solo dovrebbe essere alto solo 5 micron…le dimensioni di un batterio!

Questo non è solo un divertente esperimento. Per ottenere la foto del Millennium Falcon stampato in micro 3D al microscopio elettronico, il team di Microlight3D ha dovuto fissare la nave su un substrato di vetro. Tuttavia, la micro-nave potrebbe anche essere stata attaccata a micro-sfere magnetiche e fatta volare l’astronave controllandola a distanza usando un campo magnetico.

Grazie a questa tecnica, i ricercatori del Néel Institute e dell’Université Grenoble Alpes hanno prodotto micro pinze controllabili a distanza, in grado di afferrare e spostare particelle delle dimensioni di una cellula umana.
Questo lavoro, pubblicato di recente sulla rivista  Advanced Materials Technologies , ha valso al dottor Victor Vieille il premio per la tesi dell’innovazione 2020 dall’Université Grenoble Alpes.

2 Condivisioni
Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!