Aerospaziale

Il New Shepard di Blue Origin ha portato altri 4 umani nello spazio

0 Condivisioni

Il New Shepard di Blue Origin ha portato il suo primo equipaggio di astronauti nello spazio, incluso il fondatore di Amazon (e proprietario di Blue Origin) Jeff Bezos. Era a bordo del razzo suborbitale insieme a Oliver Daemen, il primo cliente pagante a volare a bordo, e Wally Funk. A 18 anni e 82 anni, Oliver Daemen e Wally Funk rappresentano gli astronauti più giovani e più anziani a viaggiare nello spazio.

Il fatto stesso che ora sia possibile per i civili vedere la Terra dallo spazio è dovuto alla drastica riduzione del costo di lancio dei veicoli vicino all’orbita e persino in orbita. La stampa 3D, attraverso l’ottimizzazione del peso delle parti e la rapida iterazione di componenti unici, ha contribuito in gran parte a renderlo possibile e continuerà ad avere un impatto sempre maggiore sulla democratizzazione dell’accesso allo spazio. Blue Origin, in particolare, è cliente sia di Stratasys che di Raise 3D e ha diversi sistemi di estrusione di polimeri installati nella sua struttura. L’azienda utilizza anche la tecnologia PBF in metallo per lo sviluppo delle parti e, probabilmente, per la produzione.

Una nuova generazione di razzi, motori a razzo e lander in gran parte stampati in 3D è in arrivo, guidata da iniziative guidate da miliardari come Elon Musk, Richard Branson e Jeff Bezos, e un altro imprenditore meno noto come Max Haot di Launcher e Tim Ellis di Relatività, che, come molti di noi, ha sognato di raggiungere lo spazio.

Il vincitore dell’asta di Blue Origin, che ha chiesto di rimanere anonimo in questo momento, ha scelto di volare in una futura missione di New Shepard a causa di conflitti di programmazione. Il Club for the Future ha annunciato questa settimana che il regalo all’asta ha consentito al Club di donare 1 milione di dollari a 19 organizzazioni senza scopo di lucro (19 milioni di dollari in totale), che lavorano tutte per supportare il futuro della vita e del lavoro nello spazio.

“Ringraziamo il vincitore dell’asta per il suo generoso sostegno a Club for the Future e siamo onorati di dare il benvenuto a Oliver per volare con noi su New Shepard”, ha affermato Bob Smith, CEO di Blue Origin. “Questo segna l’inizio delle operazioni commerciali per New Shepard e Oliver rappresenta una nuova generazione di persone che ci aiuteranno a costruire una strada per lo spazio”.

Volare su New Shepard ha realizzato il sogno di una vita di Oliver, affascinato dallo spazio, dalla Luna e dai razzi da quando aveva quattro anni. Oliver si è diplomato al liceo nel 2020 e ha preso un anno sabbatico prima di continuare gli studi per ottenere la licenza di pilota privato. Questo settembre, Oliver frequenterà l’Università di Utrecht per studiare fisica e gestione dell’innovazione.

Domenica 18 luglio, Blue Origin ha ospitato un briefing della missione pre-lancio in diretta dal Launch Site One nel Texas occidentale. Il briefing ha fornito i dettagli finali sulla missione First Human Flight di martedì 20 luglio, inclusi aggiornamenti sulla disponibilità del veicolo, sulla preparazione al volo e alla sicurezza e sull’addestramento degli astronauti.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!