Ortopedia

HSS sfrutta la stampa 3D per sostituzioni articolari specifiche per il paziente

L'ospedale è stato il primo negli Stati Uniti a ospitare un impianto di stampa 3D in loco per impianti personalizzati, in collaborazione con LimaCorporate

0 Condivisioni

Presso l’Hospital for Special Surgery (HSS), una stampante 3D sta producendo sostituzioni articolari su misura per casi altamente complessi in cui un impianto standard “pronti all’uso” non funziona. HSS è stato il primo ospedale negli Stati Uniti a ospitare un impianto di stampa 3D in loco per impianti personalizzati, in collaborazione con LimaCorporate, recentemente acquisita da Enovis.

Per la maggior parte delle persone che necessitano di un intervento di sostituzione articolare, gli impianti tradizionali, disponibili in varie dimensioni, sono adatti. Tuttavia, gli impianti ampiamente disponibili non funzionano per tutti, ed è qui che entrano in gioco le straordinarie capacità della stampa 3D. Secondo Mathias Bostrom, MD, chirurgo capo associato presso HSS, per problemi che richiedono complicate operazioni di chirurgia ricostruttiva, la capacità di personalizzare una sostituzione articolare è stato un punto di svolta.

“Rispetto alla tradizionale produzione di impianti, la magia della stampa 3D è la capacità di produrre tante forme e progetti più complessi in una frazione del tempo”, ha affermato Douglas Leach, Vice Presidente di Device Innovation presso l’HSS Innovation Institute.

HSS sfrutta la stampa 3D per sostituzioni articolari specifiche per il paziente: il primo ospedale negli Stati Uniti a ospitare una struttura per impianti personalizzati.
Una delle stampanti EOS presso HSS.

Al Centro per la ricostruzione articolare complessa dell’HSS, i chirurghi ortopedici visitano pazienti con gravi deformità, massiccia perdita ossea o sostituzioni articolari fallite che necessitano di essere rifatte. Per questi pazienti, un impianto stampato in 3D su misura potrebbe ripristinare la funzionalità e la mobilità o addirittura salvare il loro arto. Secondo il dottor Bostrom, gli impianti realizzati per pazienti specifici hanno alleviato dolore insopportabile e hanno persino consentito ai pazienti costretti su sedia a rotelle di camminare di nuovo.

Il dottor Bostrom e i suoi colleghi hanno iniziato inizialmente a utilizzare la stampa 3D presso HSS più di dieci anni fa per produrre rapidamente un modello in plastica – una replica del ginocchio, dell’anca, della spalla o del gomito di un paziente – prima di eseguire una sostituzione articolare altamente complessa.

“Otteniamo una TAC e da questa possiamo creare un modello reale dell’articolazione del paziente per aiutare nella pianificazione dell’intervento prima di entrare in sala operatoria”, ha affermato Mark Figgie, capo emerito del servizio chirurgico per l’artrite presso HSS. “Avere il modello prima dell’intervento chirurgico ha rivoluzionato il processo di pianificazione di questi casi difficili, aiutandoci ad essere sicuri di fare la cosa giusta e di ottenere la soluzione giusta”.

Avanti veloce di 10 anni e la tecnologia è avanzata al punto che le stampanti 3D ora producono l’impianto in titanio da inserire nel paziente. Spesso utilizzati per interventi chirurgici di sostituzione dell’anca complessi o rifatti, gli impianti appositamente progettati possono anche rappresentare l’ultima e migliore speranza per i pazienti che necessitano di una complicata sostituzione del ginocchio, della spalla o del gomito.

Quando i pazienti arrivano al Centro per la ricostruzione articolare complessa dell’HSS, sanno di avere un problema complicato, secondo il dottor Bostrom. “A volte si pensa che l’HSS sia il ‘capolinea’ per questi pazienti”, ha detto.

Poiché tutti i nuovi dispositivi medici richiedono l’approvazione da parte della Food and Drug Administration, ottenere l’autorizzazione per utilizzare un impianto stampato in 3D specifico per il paziente può essere un processo lento. In determinate circostanze, è possibile ottenere una deroga nota come “uso compassionevole” e, anche se potrebbero volerci mesi, secondo quanto riferito i pazienti dicono che vale la pena aspettare.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Composites AM 2024

746 composites AM companies individually surveyed and studied. Core composites AM market generated over $78...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!