Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business
MaterialiProduzioneStampa 3D - Servizi

HP introduce materiale PP ad alta riutilizzabilità ed espande la portata del mercato della stampa 3D

HP ha continuato la sua attività di stampa 3D e produzione digitale, ampliando il mercato globale e sbloccando nuovi prodotti e applicazioni. Il primo di questi è un nuovo materiale PP (polipropilene) ad alta riutilizzabilità per la produzione additiva di BASF. Il materiale versatile, durevole e chimicamente resistente [i] è stato qualificato per i sistemi di stampa 3D HP di livello produttivo, offrendo un equilibrio ideale tra prestazioni e costi [ii]. HP ha inoltre iniziato una nuova partnership con Oechsler, un attore globale di progettazione e produzione, per sviluppare applicazioni sia per il nuovo PP che per il più ampio portafoglio di materiali HP. La società ha anche presentato due nuovi clienti per la sua tecnologia di stampa 3D Metal Jet: Cobra Golf e l’esercito americano.

“La risposta alla crisi COVID-19 è un momento fondamentale per l’industria. HP e i suoi partner hanno stampato in 3D oltre 2,3 milioni di pezzi per colmare le lacune della catena di approvvigionamento, consentire la produzione locale e aiutare gli operatori sanitari in prima linea”, ha affermato Ramon Pastor, presidente ad interim della stampa 3D e produzione digitale, HP.” Esploriamo questo nuovo panorama, continuiamo ad attuare la nostra strategia e spingiamo avanti nuovi materiali, soluzioni e partnership innovativi per la stampa 3D per aiutare i nostri clienti a riaprire la produzione e fornire innovazioni dirompenti per le industrie del mondo”.

Il nuovo materiale PP migliora la sostenibilità

Il polipropilene è stato visto da HP come un possibile Santo Graal per la sua tecnologia di fusione multijet AM polimerica. Ciò è principalmente dovuto al fatto che il PP costa molto meno (fino al 30%) rispetto al PA12, il suo materiale corrente più utilizzato, e generalmente offre prestazioni migliori in una serie di criteri. Mentre la società cerca di continuare ad evolvere la sua tecnologia AM come tecnologia di produzione di massa, il PP può fare una grande differenza. Il problema principale è che si è dimostrato molto più difficile di quanto inizialmente previsto per la messa a punto di materiali per la fusione multijet, a causa della particolare natura planare del processo e della difficoltà di applicarlo a materiali termoplastici resistenti.

Dopo un sacco di lavoro, il gigante chimico BASF è stato in grado di farlo e ora le aziende sono pronte a presentare questo materiale versatile, che è l’ideale per una vasta gamma di applicazioni automobilistiche, di consumo, industriali e mediche. Il nuovo PP 3D ad alta riusabilità HP abilitato da BASF promette le stesse proprietà dei PP comunemente usati nello stampaggio ad iniezione, che ha dimostrato di avere un uso quasi illimitato. Con eccellente resistenza chimica, basso assorbimento di umidità e durata a lungo termine, il PP è ideale per tubazioni, sistemi fluidi e contenitori. Ad esempio, i produttori di automobili saranno in grado di utilizzare lo stesso PP per la prototipazione e la produzione di parti finali che si trovano all’interno, all’esterno e sotto il cofano dei veicoli.

Sviluppato per la serie 3D Jet Fusion 5200 di HP, il nuovo PP offre alta produttività e riduce al minimo gli sprechi per la produzione di livello industriale. Oltre all’economia e alle prestazioni rivoluzionarie, il nuovo materiale aiuta a ridurre gli sprechi [iii] consentendo fino al 100% di riusabilità della polvere in eccesso [iv].

HP sta sviluppando congiuntamente applicazioni PP completamente nuove con partner, fornitori di componenti e clienti tra cui Extol, GKN / Forecast 3DHenkelOechsler e Prototal .

Promuovere la produzione su vasta scala

Tra le società sopra elencate, la più recente aggiunta è OECHSLER AG , un fornitore leader globale di soluzioni di ingegneria e uno dei maggiori produttori di componenti nel settore additivo. L’alleanza con HP coprirà il ciclo di vita del prodotto dalla progettazione dell’applicazione alla produzione delle parti finali. Oechsler sta utilizzando la sua flotta di stampanti HP Fusion Fusion serie 5200 3D e un ampio portafoglio di materiali per aiutare case automobilistiche, società globali di elettronica di consumo, elettrodomestici e fornitori di dispositivi medici innovativi a produrre una varietà di nuove applicazioni.

Fast Radius, una delle principali società tecnologiche di produzione, si è ora qualificata come membro di HP Digital Manufacturing Network, una comunità globale di partner di produzione HP con sede negli Stati Uniti, in Asia e in Europa.

Clienti di nuovi metalli

Due nuovi clienti stanno inoltre adottando la tecnologia HP Metal Jet. In una chiara dimostrazione della versatilità di AM, uno di questi è Cobra Golf, un produttore di mazze da golf, e l’altro è The US Marine Corps, per produrre pezzi di ricambio in acciaio inossidabile per il suo Amphibious Assault Vehicle (AAV).

Cobra, HP e Parmatech stanno lavorando insieme su una roadmap di prodotti strategica pluriennale, che sfrutta i vantaggi di progettazione e produzione delle tecnologie additive di HP per fornire attrezzature da golf che elevano le prestazioni e la soddisfazione del golfista a nuovi livelli.

“Cobra Golf si impegna a fornire prodotti ad alte prestazioni che aiutino i golfisti di tutti i livelli a giocare al meglio e divertirsi”, ha dichiarato Jose Miraflor, Vice Presidente Marketing di Cobra Golf. “Per fare ciò, è fondamentale utilizzare i processi di produzione più efficaci per progettare, sviluppare e ottenere risultati ottimali. Per continuare a innovare e trasformare il modo in cui vengono fabbricate le apparecchiature, stiamo collaborando con HP e Parmatech per sfruttare i vantaggi di Metal Jet. Stiamo riscontrando vantaggi immediati, tra cui la libertà di progettazione, una rapida iterazione del design e componenti di alta qualità che soddisfano le nostre esigenze economiche”.

Sul fronte delle applicazioni della difesa, circa 200 parti AAV sono state stampate in 3D per fornire rapidamente parti di ricambio e stabilizzare una catena di fornitura complessa. La capacità di stampare in 3D le parti necessarie, ma non disponibili nella tradizionale catena di approvvigionamento, sta contribuendo a mantenere operativo il veicolo di quasi 40 anni con il finestrino di ricambio per la flotta di AAV a distanza di 10-15 anni.

 

[i] Basato su test interni HP, maggio 2020, con test di conservazione delle proprietà meccaniche, stabilità dimensionale e variazione di peso dopo immersione di 7 e 30 giorni con acidi, basi, solventi organici e soluzioni acquose. 
[ii] Rispetto ad altri materiali nel portafoglio dei materiali HP 3D a partire da maggio 2020. 
[iii] Più facile da elaborare rispetto allo standard HP 3D High Reusability PA 12, fornendo una fusione adeguata insieme a una buona spalmabilità e compatibilità grazie alle sue piccole dimensioni delle particelle.
[iv] Basato su test interni HP, maggio 2020. Le soluzioni di stampa 3D HP Jet Fusion che utilizzano PP 3D ad alta riutilizzo abilitato da BASF forniscono un rapporto di riutilizzo della polvere fino al 100%, producendo pezzi funzionali lotto dopo lotto. Per i test, il materiale viene invecchiato in condizioni di stampa reali e la polvere rigenerata viene tracciata da generazioni (il peggiore dei casi per il riutilizzo). I pezzi vengono quindi realizzati da ogni generazione successiva e testati per le proprietà meccaniche e l’accuratezza che non mostrano degrado delle proprietà fino a tre generazioni di utilizzo.

Tags

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!