Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business
AziendeConsumerGiocattoliNotizie - ultima oraProdotti di consumo

Hasbro rivela i suoi piani per la stampa 3D (più o meno)

hasbrotoyDopo LEGO, che ce ne aveva parlato in esclusiva, Games Workshop, che non ne vuole parlare (ma intanto il suo logo è in bella vista sul sito di EnvisionTEC) e Hot Wheels, che usa la stampa 3D per centinaia di prototipi all’anno, ora anche Hasbro ha reso pubblico il suo interesse diretto per la stampa 3D, spingendosi anche oltre.

Hasbro infatti è l’ultima azienda in ordine di tempo a stringere una “non meglio definita” partnership con 3D Systems per introdurre la stampa 3D nei suoi business. Il produttore di giocattoli e giochi in scatola fa seguito a Intel, che aveva annunciato una partnership con 3D Systems per le “foto fisiche” durante lo scorso CES, e a Motorola che, quando era ancora di proprietà di Google, ha annunciato che avrebbe collaborato con 3D Systems per realizzare il suo smartphone modulare.

Tutte partnership le cui caratteristiche non sono esattamente chiare e quella con Hasbro non è da meno. Nel campo dei giocattoli la stampa 3D è un argomento delicato perché i produttori la vedono allo stesso tempo come il più grande alleato per produrre giocattoli più belli e il più grande pericolo per le potenziali violazioni di copyright. Hasbro è la prima azienda tra i produttori di giocattoli che “cede”, nel senso che ammette di essere interessata a usare la stampa 3D non solo a livello di prototipazione ma anche per il suo business verso gli utenti finali.

“Crediamo che la stampa 3D offra un potenziale infinito che ci permetterà di portare nuove, incredibili esperienze di gioco ai ragazzi e siamo entusiasti di lavorare con 3D Systems”, ha detto il Presidente e CEO di Hasbro Brian Goldner. Dopotutto alcuni giocatori particolarmente creativi hanno già iniziato a creare i propri giochi e giocattoli.

Hasbro e gli altri produttori devono attivarsi da subito per esplorare a fondo le possibilità offerte dalla manifattura additiva, anche se per l’adozione di massa ci vorrano almeno altri 3-5 anni. E come tutti sanno, 3-5 anni, per un multinazionale, sono, effettivamente, domani.

Tags

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!