Gimax3D presenta il suo programma di supporto completo per la stampante G3XP

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’edizione 2018 del Formnext ha visto la presenza di differenti aziende Italiane, a dimostrazione di quanto il nostro mercato sia in espansione in termini di soluzioni offerte per la manifattura additiva: tra queste, era presente anche Gimax3D, società con un background nell’automazione industriale che si sta specializzando ora nella creazione di sistemi per la stampa 3D industriale di grande formato.

In occasione di Formnext 2018, Gimax3D ha presentato la sua nuova stampante G3XP e tutti i servizi ad essa connessi, fornendo così un’idea ben precisa di quanto e come questa società sia in grado di supportare le aziende clienti: perché la storia in questo settore insegna che per concludere correttamente il processo di digitalizzazione industriale non basta acquistare il macchinario migliore, ma è fondamentale anche un supporto costante da parte dei fornitori.

Sotto questo punto di vista, Gimax3D ha avviato un piano di affiancamento al cliente completo e competitivo, con una proposta che prevede un servizio di post vendita gratuito per il primo anno, supporto (sia telefonico che via e-mail) illimitato e fino a un massimo 4 uscite gratuite garantite per assistenza tecnica. Insomma, un pacchetto di assistenza che ha tutte le carte in regola per rispondere alle esigenze di ogni azienda decisa a introdurre le soluzioni tecnologiche di Gimax3D all’interno del proprio processo produttivo.

“Il grado di post vendita che siamo in grado di dare è un anno full su tutto”, spiega Gianni Querci, CEO di Gimax3D. “Con l’acquisto di una G3XP noi forniamo gratuitamente un anno di assistenza completa online e on-site. L’offerta per ora è limitata solo al territorio italiano, almeno fino a che non avremo concluso degli accordi di distribuzione in giro per l’Europa”.

Per quanto riguarda la G3XP presentata al Formnext, si tratta di una stampante FFF industriale, pensata per la realizzazione di pezzi di dimensioni importanti (grazie a un’area di stampa di 400x400x400): è dotata di doppio estrusore, ha una precisione di 1/100 di micron, piatto riscaldato, essiccatore e può stampare con materiali certificati quali PEEK, Carbon PEEK, Ultem e super polimeri.

Punto forte della G3XP il sistema di controllo, basato su interfaccia CNC e che consente di dialogare direttamente con la macchina, scaricando i log di stampa e validare i pezzi realizzati con un codice a barre – aspetto che può offrire numerosi vantaggi alle aziende.

Nessuno ha il controllo elettronico CNC che abbiamo noi ora”, ha precisato Querci. “Il nostro sistema consente di instaurare un colloquio diretto con la macchina, così da poter scaricare tutti i data di stampa e monitorare tutti i dati di stampa. Siamo anche in grado di fornire alle aziende un sistema bar code per validare i pezzi prodotti. Inoltre, grazie al nostro sistema abbiamo la possibilità di interfacciare fino a 8 macchine contemporaneamente. Al momento è ancora prematuro, ma in futuro tornerà sicuramente utile”.

Autore Matteo Maggioni

Laureato in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano, nel corso degli anni Matteo si è specializzato nel mercato delle New Technologies, concentrandosi particolarmente sul mercato della stampa 3D e sulle sue possibili applicazioni nel mondo dell'Industria 4.0.

Da non perdere

Stratasys lancia la nuova stampante 3D Polyjet J850

Stratasys ha presentato oggi la nuova generazione della potente soluzione PolyJet multi-materiale a colori: la …