EventiIndustria 4.0

Formnext 2020: sbloccare il proprio potenziale con la produzione distribuita basata su AM

La produzione deve diventare più digitale, decentralizzata e flessibile per adattarsi alle sempre mutevoli esigenze del mercato e dei clienti. La stampa 3D industriale è la scelta vincente per affrontare questo problema.

EOS, leader mondiale nella fornitura di tecnologie nel campo della stampa 3D industriale per metalli e polimeri, è uno dei facilitatori chiave per il futuro della produzione digitalizzata. Le AM abilitano una produzione distribuita utilizzando una rete di strutture geograficamente distanti, ma, allo stesso tempo, collegate digitalmente. Grazie a ciò, le aziende sono più flessibili e possono affrontare la domanda di mercato in costante evoluzione, implementare una supply chain più resistente e trasparente, e aumentare la propria redditività futura.

Il Dr. Marius Lakomiec, Team Manager Digital AM Solutions di EOS sottolinea che “La stampa 3D industriale consente una produzione distribuita e basata sulla domanda. Come parte delle nostre attività di factory planning, supportiamo i clienti nella digitalizzazione dell’intera supply chain. Insieme determiniamo quali passi sono necessari per impostare e mettere in funzione un impianto di produzione digitale, analizziamo i requisiti di produzione, definiamo i KPI necessari e forniamo assistenza nell’implementazione della tecnologia”.

I vantaggi di una produzione distribuita abilitata dall’additive manufacturing sono molteplici per i clienti: la produzione può avvenire quando e dove è necessaria. Queste modalità flessibili di produzione on-demand evitano qualsiasi pre-finanziamento dei prodotti, quantità minime di produzione o sovrapproduzione, consentendo un approccio efficiente e a basso rischio. Inoltre, permettono di ridurre i costi di stoccaggio, così come le spese logistiche, e quindi contribuiscono a una produzione responsabile, ad esempio riducendo l’impronta di carbonio emessa dal prodotto.

A seconda delle dimensioni dell’azienda e delle esigenze dei clienti, EOS ha identificato diversi scenari per una produzione distribuita a livello globale, locale e di sistema.

Abilitare una fabbricazione digitale globale basata su AM

Le soluzioni AM di EOS possono essere utilizzate per impostare una produzione interna collegata a livello globale traendo vantaggio da una rete di produttori di AM a contratto affermati. Sfruttando questo approccio di produzione flessibile, le aziende possono beneficiare di una fabbricazione sostenibile in grado di affrontare processi scan-to-product o basati sulla domanda, la diversità delle varianti e l’integrazione funzionale. Inoltre, la produzione può essere bilanciata tra i siti e diventare più indipendente rispetto a singole fonti.
Alexander Eitel, Head of Marketing and Business Development di Dunlee aggiunge: ” Utilizziamo la tecnologia EOS per la stampa 3D del tungsteno. Si tratta di una sfida, soprattutto quando si stampa un elevato volume di pezzi complessi con specifiche precise. I sistemi EOS personalizzati che abbiamo implementato sono progettati proprio per questo e ci permetteranno di soddisfare le esigenze dei produttori CT che stanno introducendo nuovi prodotti”.

Monitoraggio del parco macchine e dello stato di produzione nelle strutture locali

Le applicazioni EOSCONNECT MachinePark aiutano i responsabili della produzione a supervisionare lo status del loro intero parco macchine locale. Grazie a una perfetta integrazione nei sistemi MES ed ERP, i sistemi AM consentono un accesso one-stop ai dati dei sensori, al monitoraggio e alla gestione della qualità – sempre e ovunque. Ciò consente di avere una visione d’insieme sull’utilizzo delle macchine per ottimizzare la pianificazione del lavoro.

Per produrre in modo efficiente e affidabile pezzi di alta qualità su scala industriale, i responsabili AM si affidano ai collaudati sistemi EOS nella lavorazione di metalli o polimeri. Inoltre, i servizi su misura offerti – dai contratti di assistenza a gamma completa alla manutenzione congiunta e virtuale – massimizzano i tempi di attività del sistema e il successo sostenibile.

Hannes Hämmerle, CEO di 1 zu 1, commenta: “Utilizziamo il sistema EOS P 500 per la creazione di prototipi e per le applicazioni in serie, dove una ripetibilità e una disponibilità del sistema estremamente elevate sono cruciali per 1 zu 1. I pezzi stampati in 3D su questo sistema offrono una qualità eccellente e omogenea dei pezzi, nonché una precisione dimensionale molto vicina a quella dei pezzi stampati a iniezione. Ulteriori vantaggi della EOS P 500 sono l’incremento del materiale risparmiato e la riduzione dei tempi di post-lavorazione rispetto alla tecnologia di produzione additiva che abbiamo utilizzato in passato. L’altissima disponibilità del sistema ci permette di produrre durante la notte e quindi di rispettare date di consegna stringenti”.

Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!