MedicinaRicerca

EPSRC ha stanziato oltre 6 milioni di sterline per sviluppare medicinali stampati in 3D

Il progetto è una collaborazione tra le Università di Nottingham, Cambridge, Reading e Strathclyde

0 Condivisioni

Secondo l’Università di Nottingham, un nuovo progetto di ricerca ha ricevuto oltre 6 milioni di sterline per sviluppare un kit di strumenti per consentire la produzione efficace di medicinali stampati in 3D, avvicinando innovazioni come pillole biologiche personalizzate e “cerotti viventi” alla produzione commerciale.

Il progetto quinquennale finanziato dal Engineering and Physical Sciences Research Council (EPSRC) è una collaborazione guidata da ricercatori dei dipartimenti di ingegneria e farmacia dell’Università di Nottingham, insieme alle università di Cambridge, Reading e Strathclyde.

I team lavoreranno insieme per sviluppare un toolkit che consentirà all’industria di identificare, selezionare ed elaborare i materiali corretti per la stampa 3D in nuovi medicinali e prodotti farmaceutici rigenerativi.

EPSRC assegna oltre 6 milioni di sterline alle università di Nottingham, Cambridge, Reading e Strathclyde per sviluppare farmaci stampati in 3D.“Attualmente c’è una mancanza di agilità nella produzione nel Regno Unito che impedisce lo sviluppo della stampa 3D in alcune aree dell’industria. La produzione ha bisogno della capacità di ‘dial-up’ delle prestazioni in modo rapido, prevedibile e affidabile per realizzare prodotti integrati con funzionalità avanzate”, ha affermato il professor Ricky Wildman, responsabile del progetto, della School of Engineering dell’Università di Nottingham. “Molte aziende farmaceutiche non sanno come passare dall’idea alla realtà con la stampa 3D. Non sono sicuri di quali materiali siano stampabili in 3D, o in quale ordine combinare i materiali o quale funzione abbiano i diversi profili geometrici. Questo nuovo progetto mira a fornire tutte queste informazioni per consentire l’applicazione commerciale”.

Utilizzando la modellazione computazionale e l’apprendimento automatico, il team svilupperà istruzioni per l’uso da parte dell’industria per accelerare il ciclo di sviluppo di nuovi farmaci, il che potrebbe ridurre i tempi da due anni a sei mesi.

Nell’ambito del progetto, verranno sviluppati e testati tre prodotti farmaceutici di prova, tutti basati sull’incorporazione di proteine ​​o enzimi per promuovere la crescita cellulare e con requisiti personalizzabili, complessi e multi-materiale.

Il team sta testando una pillola biologica che potrebbe potenzialmente sostituire i vaccini iniettati. Questa pillola personalizzata stampata in 3D potrebbe essere inviata al paziente e presa facilmente, eliminando i problemi con la logistica, la consegna e la somministrazione del farmaco.

È in fase di sviluppo anche un cerotto intestinale, o “cerotto vivente”. Il cerotto potrebbe calmare l’infiammazione e potenzialmente aiutare i pazienti con morbo di Crohn o malattie intestinali. Il cerotto verrebbe steso sull’area interna e rilascerebbe principi attivi per aiutare la guarigione e sostenere il rinnovamento cellulare.

“Mentre questi prodotti sono agli inizi, speriamo di essere in grado di sviluppare queste innovazioni per dimostrare le capacità del toolkit di stampa 3D ed essere in grado di mostrare come possiamo combinare i materiali per fornire medicinali personalizzati che siano sicuri, efficaci e a basso costo costo”, ha affermato il professor Clive Roberts della School of Pharmacy dell’Università di Nottingham.

“Questo è un lavoro molto entusiasmante che, attraverso la costruzione di modelli cellulari, migliorerà la nostra comprensione di come funziona l’intestino”, ha affermato il professor Mohammad llyas, consulente del NHS Nottingham. “Ancora più importante, in caso di successo, porterà a un cambio di paradigma nella gestione clinica e avvierà l’uso di terapie autologhe di ingegneria tissutale per il trattamento delle malattie intestinali”.

0 Condivisioni
Tags
Research 2022
Polymer AM Market Opportunities and Trends

741 unique polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated $4.6 bi...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!