Decathlon fa importanti precisazioni riguardo alle maschere da snorkeling adattate a respiratore

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tra i vari articoli riguardanti il grandissimo supporto della manifattura additiva contro l’attuale emergenza sanitaria ha destato molto interesse l’iniziativa tra l’azienda bresciana Isinnova e Decathlon che punta a trasformare le note maschere da snorkeling Easybreath in respiratori non invasivi per pazienti colpiti da COVID-19. Considerata la grande copertura che la notizia ha ricevuto dai vari media, Decathlon ha deciso di fare una precisazione che ci sentiamo di riportare.

Nel messaggio pubblicato dai canali ufficiali dell’azienda di attrezzature sportive si legge: “Negli ultimi giorni sono sempre più presenti online notizie che riguardano la possibilità di riconversione della nostra maschera EASYBREATH a strumento utile per l’assistenza sanitaria, in assenza di dispositivi certificati nell’emergenza COVID-19. Ci teniamo a ribadire, in qualità di ideatori e produttori oltre che distributori, che questa maschera è stata concepita per lo snorkeling e quindi raccomandiamo di non modificarla autonomamente, perché i flussi d’aria potrebbero essere alterati”.

“Tuttavia, considerato il contesto senza precedenti che stiamo vivendo, il nostro team di ingegneri si è reso disponibile a collaborare con i centri di ricerca più accreditati che hanno come finalità validare l’adattabilità della maschera riducendo i rischi collaterali. Nella fattispecie stiamo collaborando, su richiesta della Regione Lombardia, con il Dipartimento di Meccanica del Politecnico di Milano, fornendo loro i disegni e le caratteristiche tecniche del nostro prodotto. Contiamo in questo modo di dare un contributo. È il momento di attivare la responsabilità individuale e la fiducia collettiva, in questo contesto difficile che l’umanità sta attraversando”.

Decathlon raccomanda quindi una ragionevole prudenza sconsigliando ogni tentativo di modifica a chiunque non sia un professionista certificato del settore e confermando inoltre la straordinaria collaborazione e solidarietà sviluppatasi tra i vari enti, aziende e società con il fine di superare quanto prima possibile la difficilissima situazione sanitaria venutasi a creare in Italia e nel resto del mondo.

Autore Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Da non perdere

Il sistema ospedaliero parigino installa 60 stampanti 3D Stratasys per combattere COVID-19

L’University Hospital Trust (AP-HP) di Parigi, il più grande sistema ospedaliero in Europa, ha installato …