Cosa ha significato il Formnext 2019 e dove sta andando l’industria additiva*

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Formnext 2019 è stato più grande che mai e, come affermato da Avi Reichental durante la nostra intervista a Xponential Works, “Non c’è mai stato un momento migliore per entrare nella stampa 3D. Almeno fino al prossimo anno”. Questo è stato quasi sempre il caso dell’industria dell’additive manufacturing sin dall’inizio e non potrebbe essere diversamente. L’AM è una piccola percentuale della produzione globale e, anche se la maggior parte degli operatori non vuole dirlo, diventerà il metodo di produzione principale. Ciò che Formnext 2019 ha evidenziato è che l’AM crescerà enormemente, esponenzialmente, per il prossimo secolo e oltre. L’aspetto negativo è che questo risultato richiederà decenni e forse addirittura secoli, il che significa che la maggior parte di coloro che lavorano nel settore oggi non ne vedranno la realizzazione. Quello che vedranno, tuttavia, è che l’industria dell’AM sta crescendo del 35% su base annua, come è successo negli ultimi tre decenni e come continuerà a succedere.

Questa percentuale di crescita – che è più o meno la stessa percentuale nella crescita di espositori e visitatori al Formnext di quest’anno (ed era simile l’anno precedente) – è sufficiente per definire un trend di crescita esponenziale: significa che l’industria raddoppia di dimensioni ogni due anni circa. Per inciso, questo tasso è simile alla legge di Moore per la densità di transistor e quindi la velocità di calcolo nell’industria elettronica e, sebbene le due cose non siano direttamente correlate, entrambe sono collegate al mondo digitale.

Quest’anno è risultato evidente che Formnext rappresenta il principale evento globale per l’industria additiva e, come tale, riflette in modo più accurato la crescita complessiva del settore. Molto probabilmente questa tendenza continuerà. In effetti, questa è stata la prima volta che, a Formnext, l’industria additiva è andata oltre alla sensazione di un gruppo di professionisti relativamente piccolo e molto unito. L’evento di quest’anno è stato uno spettacolo per un’industria che si sta avvicinando alla pubertà (ancora lontana dalla maturità). Sebbene l’entusiasmo fosse e continuerà a rimanere elevato, Formnext inizierà a diventare più simile a fiere industriali molto più grandi come quelle, ad esempio, dedicate all’industria delle macchine utensili (IMTS, EMO, Hannover …), alla stampa 2D (Drupa), al design (Salone del Mobile), aerospaziale (Parigi e Farnborough) e così via.

Questo tipo di eventi sono ancora molto più grandi di Formnext, ed è logico dal momento che queste industrie esistono da diversi decenni. Tuttavia, la manifattura additiva ha il potenziale per diventare più grande di qualsiasi di questi settori, il che significa che Formnext potrebbe continuare a crescere a questo ritmo per molto tempo. Questo se i suoi organizzatori saranno in grado di gestire questa crescita esponenziale, il che non è un compito facile. La forza e l’esperienza di Frankfurt Messe aiuteranno.

Migliaia di macchine

L’industria manifatturiera additiva sta crescendo lungo due percorsi diversi. Uno è quello di vendere gradualmente sempre più macchine, che gli utenti adottano per produrre gradualmente sempre più componenti parti. L’altro è attrarre più capitale, che gli investitori credono che alla fine produrrà rendimenti esponenziali. Entrambi questi approcci hanno potenzialità e limiti.

Formnext 2019

Il primo approccio è quello adottato principalmente dai leader di mercato tradizionali. Aziende come EOS , Stratasys, 3D Systems, SLM Solutions e GE Additive (tramite Concept Laser e Arcam), infatti, vendono sempre più macchine. Anche nei periodi più difficili dopo la bolla del 2013, continuavano a crescere tra il 10% e il 20% su base annua e continuano a essere quelli che vendono la maggior parte dei sistemi. Queste aziende appartengono generalmente a un modo più “analogico” e tradizionale di fare affari che spesso si scontra con una crescita esponenziale e digitale. Alcuni, come EOS e GE – persino SLM Solutions soprattutto ora che c’è un nuovo management – si stanno rapidamente adattando al nuovo mondo digitale, ma questa transizione richiede tempo. EOS ha chiaramente intensificato lo sviluppo dell’hardware, mentre GE ha completamente riorganizzato Concept Laser prima e ora Arcam, al fine di soddisfare pienamente le esigenze di produzione digitale. Non è un caso che i due marchi siano ora più pienamente integrati nel marchio globale GE Additive. Stratasys e 3D Systems stanno attraversando un periodo un po’ più difficile con questa transizione. Un’altra società che ora sta iniziando a evolversi dal passato analogico è ExOne, con una nuova gestione pronta a sfruttare l’esperienza ultradecennale dell’azienda per far fronte alla crescente concorrenza nel segmento binder jetting. Tuttavia, l’esperienza non è sempre sufficiente – come dimostrano le difficoltà di EnvisionTEC – per competere con nuovi arrivati, più ​​aggressivi, ben finanziati e digitalizzati.

Chi sono i nuovi arrivati? Una nuova generazione di leader di mercato guidata da HP, Desktop Metal e Carbon (compresa anche Formlabs, almeno in termini di investimenti, poiché il prezzo del sistema è molto diverso). Si tratta principalmente di società statunitensi, che crescono attirando investitori mentre lavorano verso l’industrializzazione dell’AM come soluzione di produzione scalabile. Queste aziende puntano – come dovrebbe fare l’intero settore – a vendere stampanti 3D industriali – anche quelle che costano ben oltre $ 100.000 – a decine, centinaia e persino migliaia. Questo è ciò che servirà per far crescere l’industria additiva per i prossimi decenni. Non è una coincidenza che gli Stati Uniti siano stati il paese partner Formnext di quest’anno. Interessanti progressi in termini di vendite di sistemi e nuove applicazioni sono stati dimostrati anche da ex startup come la polacca Sinterit, la israeliana XJet e molte altre.

Formnext 2019

L’unico problema è che oggi le stampanti 3D industriali non vengono vendute a migliaia o centinaia ma piuttosto a decine o – nella maggior parte dei casi – singole unità. Gli operatori tradizionali oggi vantano base installate di 1.000-2.000 sistemi al massimo. Queste basi sono state costruite su un periodo di circa due decenni. È probabile che alcuni dei nuovi arrivati ​​raggiungeranno questi numeri entro il prossimo anno. A questo punto, diventare più digitali diventerà una necessità e non tutti sopravviveranno. Sebbene possa essere doloroso per le singole aziende, questo non avrà importanza per l’intero settore, che continuerà a crescere a ritmi elevati. In effetti, è improbabile che una qualsiasi azienda di stampa 3D possa fallire, piuttosto – insieme a tutte le sue tecnologie, brevetti e know-how – verrebbe acquisita man mano che il settore si sposta finalmente verso il tanto atteso consolidamento. Ci sono grandi aziende come Xerox, BASF e Ricoh che stanno solo aspettando il momento giusto per portare più tecnologie e capacità AM sotto il loro tetto.

Centinaia di aziende

Quel momento non è ancora arrivato. Questo è uno dei motivi per cui anche quest’anno il numero degli espositori di Formnext è cresciuto del 34,8%. Sono state presentate così tante nuove tecnologie e prodotti da un numero tale di nuove aziende che è stato difficile seguirle tutte.

La ceramica e i compositi si stanno avvicinando alla produzione automatizzata reale, con una concorrenza molto intensa e diversi nuovi attori che entrano nel mercato come startup e spin-off. I polimeri avanzati stanno finalmente diventando realtà, con letteralmente dozzine di aziende che sfidano il dominio ULTEM di Stratasys, a partire da Roboze (ora supportato da SABIC e in particolare da Solvay come partner strategico) e 3ntr. Per quanto riguarda i metalli, quest’anno è emersa la tendenza opposta in quanto diverse aziende hanno messo in evidenza metalli “meno avanzati” come il rame. In un certo senso, questo è stato anche un segno di maturità in quanto i materiali più diffusi possono anche essere i più difficili da stampare (basti pensare al vetro).

In generale, il consolidamento non sta avvenendo perché le più grandi multinazionali sanno che ostacolerebbero la spinta innovativa di una startup. Vi sono, tuttavia, esempi virtuosi che combinano la forza di una grande azienda con la creatività snella di una piccola società. Questi includono l’ecosistema EOS (che comprende Dye Mansion, Lithoz e diverse altre società altamente innovative), il Siemens Additive Manufacturing Network, la costante spinta alla collaborazione promossa da Oerlikon (che culmina annualmente alla conferenza MTC) o il nuovo marchio AM Solutions di Rösler (che include altri fornitori di hardware di post-lavorazione come DLyte e Post Process), solo per citarne alcuni. In altri casi, come XYZprinitng di Kymco o 3DCeram di Sinto, le grandi aziende creano e supportano internamente ambienti simili a startup per assecondare l’innovazione della stampa 3D.

Un altro motivo per cui il numero di aziende di Formnext continuerà a crescere è che le aziende AM specializzate in settori verticali specifici diventeranno sempre più parte integrante del settore AM. Dopo l’odontoiatria, che è già molto ben rappresentata in Formnext, il prossimo segmento saranno le macchine utensili. Fino ad oggi le aziende AM hanno avuto una piccola presenza ai saloni delle macchine utensili, tuttavia, il rapido tasso di crescita dell’industria additiva e il lento tasso di crescita dell’industria delle macchine utensili indicano che molte di queste aziende identificheranno l’additive come un segmento chiave. DMG Mori e Trumpf lo hanno già fatto. In effetti, DMG Mori ha reso la sua presenza molto evidente mettendo in mostra il gigantesco nuovo sistema Lasertec 125 3D Hybrid. Trumpf è già un attore leader nel settore AM e presenta alcuni dei prodotti più potenti sia per PBF che per DED. Altri seguiranno l’esempio.

Formnext 2019

Dopo le macchine utensili, potrebbe essere la volta del settore aerospaziale, in particolare i fornitori di servizi di ingegneria aerospaziale che dimostreranno come le loro soluzioni AM possono risolvere i problemi in altri segmenti come quello automobilistico, o dell’oil & gas. Quindi potranno essere coinvolti anche il settore medico e il bioprinting. Nessuna azienda di bioprinting ha ancora mai esposto a Formnext, ma una volta avviata questa tendenza creerà interessanti opportunità di networking. Le aziende produttrici di dispositivi medici come Stryker e Lima potrebbero trovare interessante essere presenti direttamente e non solo attraverso casi di applicazione presentati dai loro partner.

Quindi – considerando l’impressionante tasso di crescita della maggior parte delle aziende coinvolte – saranno le società di stampa 3D per l’edilizia ad unirsi alla festa. A quel punto, tuttavia, Formnext avrà bisogno di molto più spazio rispetto ai padiglioni 11 e 12. Nell’indice di 3dpbm, elenchiamo oltre 5.000 società di AM. Non possono venire tutti a Formnext, ma molti sì. E lo faranno.

Milioni di parti

Affinché centinaia di aziende vendano migliaia di macchine, sarà necessario che l’AM sia utilizzata per produrre milioni di pezzi. Non solo un milione che – come correttamente sottolineato da Iska Saric di Carbon – è già possibile, ma diversi milioni (e alla fine diverse decine di milioni). Questo obiettivo e questo potenziale sono probabilmente i motivi per cui l’ex CEO di DuPont Ellen Kullman è ora il CEO di Carbon. HP ha già presentato una caso di studio per oltre un milione di parti stampate in 3D da Smile Direct. Come ha detto Philip Jung durante la riunione con gli analisti, questo caso (che ha portato a una IPO molto ricca per Smile Direct) è il primo di molti altri a venire. Speriamo anche per applicazioni AM dirette, poiché i materiali continuano a svilupparsi. Tuttavia, non è necessario che l’AM sia utilizzata direttamente per le applicazioni finali: i tool e gli stampi sono parti per uso finale e un settore industriale multimiliardario.

Un altro chiaro segnale in questo senso era la presenza molto ampia di hardware e fornitori di servizi di post-processo automatizzati e specifici per l’industria della manifattura additiva. Non esiste una stampa 3D automatizzata senza post-processi automatizzati. C’è ancora molta strada da fare, soprattutto in termini di software, flusso di lavoro e gestione dei dati. Oggi le parti vengono stampate in 3D in singoli pezzi nella maggior parte dei casi, a decine e centinaia in alcuni casi e solo molto raramente dai 10.000 o 100.000 pezzi, per non parlare di milioni.

Per la cronaca, passare dalla produzione di 10 parti alla produzione di 1.000.000 di parti con un tasso di crescita del 35% su base annua richiederebbe circa 40 anni.

Formnext 2019

 

* Questa non è una recensione dei migliori prodotti visti a Formnext. Per conoscere e discutere i nuovi prodotti più interessanti visti durante l’evento, non esitate a consultare la nostra sezione dedicata AM Focus Formnext, il nostro articolo AM Formnext Highlights o contattare 3dpbm direttamente a info@3dpbm.com.

Autore Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Da non perdere

Bimbo di 5 anni torna a respirare autonomamente grazie a uno stent stampato in 3D

Grazie a uno stent stampato in 3D da Prosilas, azienda di Civitanova Marche (e uno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *