Con Stefania Minnella di HP presentiamo le potenzialità della nuova HP JET Fusion 5200 in un webinar esclusivo

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In diretta, dal nuovo Centro di Eccellenza per la Stampa 3D e la Produzione Digitale di HP a Sant Cugat, appena fuori Barcellona, vi presentiamo la nuovissima stampante HP Jet Fusion 5200, pensata e ottimizzata per la produzione digitale su un scala senza precedenti. In questo HP Jet Fusion 5200 webinar, grazie al contributo di Stefania Minnella, Application Engineer di HP, e Davide Sher, Co-fondatore di 3dpbm, possiamo per la prima volta andare a svelare nei minimi dettagli quello che la nuova HP Jet Fusion 5200 sarà in grado di offrire e come si integra nell’offerta di hardware, software e materiali per l’additive manufacturing targata HP.

Qui nel nuovo centro sono presenti centinaia di esperti di produzione additiva leader a livello mondiale in oltre 150.000 metri quadrati (circa 14.000 metri quadrati) di spazio innovativo all’avanguardia – equivalente a circa le dimensioni di tre campi da calcio – per continuare la missione di HP di trasformare il modo in cui il mondo progetta e produce. Insieme a loro sono presenti anche dozzine di system Jet Fusion 5200, che permettono ad HP di continuare a mettere a punto un workflow produttivo sempre più ottimizzato. In questo webinar andiamo a scoprire esattamente cosa è in grado di fare.

Potenza e controllo

La serie di stampanti 5200 migliora praticamente sotto ogni punto di vista le caratteristiche dei suoi predecessori, garantendo una maggiore qualità delle parti realizzate assieme a una più accurata predittività per quanto riguarda il risultato finale. Queste feature, unite all’efficienza del software di gestione fornito da Siemens, danno vita a una soluzione tecnologica capace di trasportare realmente un modello di produzione tradizionale nell’era dell’Industria 4.0 e della digitalizzazione dei processi produttivi.

Dotata di una nuova configurazione single-pass, questo nuovo sistema sposta effettivamente il centro dell’operazione da una modalità a due passaggi a una modalità a un passaggio. Questo approccio è reso possibile dalla presenza di una lampada più potente e consente un maggiore grado di produttività rispetto agli altri sistemi MJF di HP. Inoltre, la lampada più potente crea anche opportunità per lavorare con materiali ad alta temperatura lungo la linea.

La serie Jet Fusion 5200 integra anche un sistema di imaging termico più sofisticato (con una risoluzione cinque volte maggiore rispetto alla serie 4200), offrendo una migliore precisione e un controllo del processo più rigoroso, oltre a un nuovo modulo di raffreddamento che ottimizza ulteriormente e automatizza il processo di produzione. L’unità di raffreddamento a basso costo si trova essenzialmente in cima all’unità di costruzione e una volta completato il processo di stampa, le parti ancora calde vengono trasferite automaticamente nelle scatole di raffreddamento in modo che l’unità di generazione venga liberata per il lavoro successivo.

Autore replicatore

Da non perdere

Italdron rivoluziona il mondo dei droni grazie al Nylon Carbon e la stampa 3D di WASP

Quando si incontrano due tecnologie rivoluzionarie si crea valore di conoscenza e di business Tra …