Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business
Automazione

Come l’automazione sta cambiando i lavori di stampa 3D

Una chiave per la fabbrica di domani sarà l’automazione, che consentirà ai sistemi di produzione integrati di funzionare praticamente autonomamente sostituendo e cambiando molti lavori. Quindi una domanda che sorge spontanea è: chi saranno i lavoratori di domani?

Nell’industria manifatturiera additiva, l’attenzione si sposta sempre più sull’industrializzazione e su come la tecnologia stia diventando centrale. Con questo focus si arriva ad una maggiore automazione e una ripresa delle linee di produzione digitali integrate. Negli ultimi anni, abbiamo visto come gli OEM AM abbiano sviluppato e implementato soluzioni di produzione integrate, un esempio dei quali sono i moduli condivisi di EOSlanciati alla fine del 2019.

Questo sviluppo vede meno personale necessario in officina per utilizzare e gestire le macchine. Per il settore manifatturiero generale, secondo il McKinsey, il 64% del lavoro ha il potenziale per essere automatizzato. Inoltre, la produzione additiva come tecnologia sta già cambiando i posti di lavoro: richiede meno manodopera rispetto alla produzione tradizionale, taglia le fasi del processo di produzione e riduce la necessità di stoccaggio e spedizione. Alexander Daniels Global fornisce la sua opinione su come l’automazione cambierà i lavori nella produzione additiva e quali competenze siano necessarie per la forza lavoro futura.

Lavori che potrebbero diventare obsoleti

I lavori che hanno maggiori probabilità di risultare superati nell’ambito della produzione additiva sono lavori di officina di livello inferiore. Gli operatori della macchina diventeranno probabilmente ridondanti poiché l’automazione e gli algoritmi saranno in grado di monitorare i processi integrati e apportare le modifiche di conseguenza. Le soluzioni integrate che utilizzano robot per spostare parti su altre macchine automatizzano l’intero processo di costruzione, compresa la post-elaborazione.

In futuro, le aziende avranno probabilmente bisogno di un numero inferiore di tecnici dell’assistenza, sebbene altamente qualificati, poiché le macchine saranno in grado di prevedere le proprie esigenze di manutenzione, ordinare i pezzi di ricambio giusti e installarli prima che si verifichino guasti. Le macchine intelligenti saranno in grado di capirsi meglio.

Lavori che vedranno un’impennata della domanda

La fabbrica del futuro sarà guidata da dati e software. Inoltre, come oggi, continueremo a vedere la necessità di applicazioni professionali che potranno continuare a spingere i confini di dove e come può essere utilizzato AM. Ci sarà probabilmente chi continuerà a vedere la necessità di designer professionisti che attraverso la creatività e la conoscenza profonda potranno ripensare il modo in cui possono essere utilizzate le parti prodotte tramite manifattura additiva.

Competenze dell’operaio di domani

Adattarsi alla fabbrica di domani richiede un set di abilità diverso rispetto a prima. Di seguito sono riportate alcune delle principali competenze trasversali essenziali per il lavoratore di domani.

Hard skills

In relazione ai lavori che probabilmente vedranno un aumento della domanda, ci sarà la necessità di persone con forti competenze come la conoscenza delle applicazioni, progettazione, software, intelligenza artificiale, apprendimento automatico, hardware e scienza dei dati.

Le aziende avranno sempre più bisogno di professionisti con un set di competenze a forma di T, che implica avere una vasta conoscenza della produzione e dei processi e in un’area specifica come esperto in materia. Ad esempio, chi che ha una profonda conoscenza dei materiali, abbinata a quella di macchine, processi e software, capirà come costruire e sviluppare un’applicazione che richiede proprietà materiali specifiche. Poiché l’automazione assume alcuni compiti, avere esperti in materia diventa sempre più importante.

Esempio di set di abilità a forma di T.

Soft skills

Abilità sociali ed emotive: gli “operai di domani” dedicheranno più tempo alle attività che le macchine non sono ancora in grado di fare. Ciò include la gestione dei dipendenti, l’applicazione di competenze e la comunicazione con gli altri. Questi compiti richiedono più abilità sociali ed emotive.

Pensiero critico per il processo decisionale: il processo decisionale probabilmente rimarrà un compito umano e il pensiero critico e il ragionamento logico sono abilità fondamentali per questo. Il pensiero critico è la chiave non solo per cavalcare l’onda dei modi tradizionali di utilizzare la tecnologia, ma per uscire dal ciclo e reinventare e sperimentare nuove tecniche, design, tecnologie, materiali, ecc.

Creatività: sebbene l’intelligenza artificiale sia incredibilmente efficace, probabilmente non corrisponderà mai alla creatività umana. La vera creatività non può venire da una macchina che riceve solo input, li calcola e produce un output. Creatività, originalità e iniziativa rimarranno capacità preziose. Trovare nuove applicazioni per la tecnologia AM, stampare nuove parti usando AM e inventare nuovi materiali per la stampa, tutto richiede creatività.

Problem solving: anche la risoluzione di problemi complessi e l’elasticità mentale sono abilità che saranno sempre più ricercate, poiché l’automazione cambia la natura dei lavori AM. Più è integrato il processo di produzione, più  si presenteranno opzioni, problemi e complessità. Avere le persone giuste, in grado di risolvere un problema o pensare ad una soluzione innovativa considerando un numero crescente di variabili, sarà cruciale.

Studente attivo: nuove tecnologie e nuove applicazioni si sviluppano ogni giorno e la forza lavoro deve tenere il passo. E’ quindi necessario per i professionisti aggiornarsi costantemente e apprendere in modo proattivo.

Come possono prepararsi aziende e privati?

Prepararsi alla fabbrica del futuro e una maggiore automazione richiede alle aziende di riorganizzare i propri processi e rivalutare le proprie strategie. Le aziende devono considerare attentamente dove possono essere richiesti nuovi talenti e quali dipendenti possono essere riassegnati ad altri lavori. Assumere diventa più difficile man mano che le abilità che inserisci diventano ridondanti più rapidamente man mano che la tecnologia avanza. Pertanto, un’abilità importante che le aziende devono cercare è una mentalità di apprendimento; c’è bisogno di persone in grado di adattarsi e cambiare con la tecnologia.

La ridistribuzione delle persone richiede una riqualificazione professionale. I datori di lavoro possono fornire formazione sul posto di lavoro e opportunità per i loro lavoratori di migliorare e riqualificare per assicurarsi di possedere il giusto mix di competenze necessario per la fabbrica di domani.

Le persone dovranno anche prepararsi per una tecnologia e un ambiente di lavoro in rapida evoluzione. Essere costantemente aggiornati e acquisire le nuove competenze richieste sarà fondamentale per la propria rilevanza per il settore. Ci sarà ancora domanda di lavoro umano, ma i lavoratori devono essere pronti a ripensare e riqualificare le loro nozioni tradizionali di lavoro.

I robot stanno arrivando. Non per rubare i nostri lavori, ma per cambiarli.

Questo articolo è stato pubblicato in collaborazione con  Alexander Daniels Global .

Tags

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!