Arte & DesignIndustriaMakersNotizie - ultima oraProduzioneProfessionalScuolaSoftware 3DStampa 3D - ProcessiStampanti 3D

Chi utilizza la stampa 3D? La risposta nel nuovo report di 3D Hubs 

Sono solo un paio di mesi dall’ultima volta che ho dato un’occhiata al report mensile di 3D Hubs (probabilmente la migliore fonte per i dati relativi al giovane e fiorente settore della fabbricazione personale in 3D) e molte cose sono cambiate. Le stampanti 3D registrate sono in aumento (superano le 18500), e due stampanti 3D delta hanno guadagnato i primi due posti tra le stampanti 3D più votate.

La cosa che emerge, comunque, è che le cinque città in cui maggiormente si registra la presenza degli hub, sono anche le capitali della moda e del design: New York, Los Angeles, Milano, Londra e Parigi.

Quindi le stampanti 3D sono maggiormente presenti dove l’industria del fashion è più radicata. Cosa vuol dire? Beh, non c’è dubbio che i professionisti della moda sono anche grandi utilizzatori di questa tecnologia. Come a Los Angeles tutto si mescola con l’industria del cinema, così nelle altre città la crescita è alimentata dai fiorenti movimenti dell’arte e dell’artigianato.

Top Print Cities July 2015

Per la prima volta, 3D Hubs prova a definire in questo report chi sono gli utilizzatori delle sue stampanti 3D. Emerge che la maggior parte di loro sono Professionisti o Makers, oltre a una categoria definita pionieri. Di fatto, nel complesso sono i professionisti ad occupare la maggior parte della percentuale, ma 3dHubs si riferisce in genere anche ai nuovi tipi di professionisti che hanno recentemente iniziato ad utilizzare la tecnologia 3D – non appena il prezzo delle stampanti è diventato alla loro portata. In questo gruppo sono inclusi molti studi di moda e di design.

Gli altri trend nel report sono abbastanza stabili, con MakerBot (2 e 2X), Ultimaker 2 e alcune RepRaps che sono le macchine più popolari in Europa, Nord America, Sud America e Asia e, come detto in precedenza, la Kossel XL e la DeltWASP delta al primo e al secondo posto nella classifica delle stampanti 3D più apprezzate. Il terzo posto è occupato dalla Zortrax’s M200. Va detto che il sistema Zortrax ha 568 visualizzazioni – parecchie in più rispetto a qualsiasi altra stampante nella top list delle prime 20. Le due delta si fermano a circa 50 per una. Sempre in tema di trend, la Taz 5 di Lulzbot è la più in auge di questo mese, con una crescita del 77,3%.

Il grafico più stabile è quello della Distribuzione dei colori, infatti il filamento in bianco e nero continua ad essere impiegato per oltre il 50% delle stampe. Un altro andamento costante è quello delle categorie di stampa più popolari, dove i prototipi e i modelli in scala occupano il maggior numero di ordini, dove il settore arte/fashion arriva terzo.

L’unica piccola delusione è che nel nuovo documento “Chi sono gli utilizzatori della stampa 3D”, la percentuale degli studenti e dei ricercatori tocca appena l’8,5%: per i ricercatori questo dato potrebbe essere spiegato col fatto che loro utilizzano stampanti più grandi e con tecnologie maggiori, non ancora contemplate nei grafici di 3D Hubs (che invece si riferiscono alla sola stampa personale). Per quanto riguarda gli studenti, invece, questo potrebbe essere il segnale di una grave carenza da parte delle istituzioni educative in tutto il mondo. Forse il team 3D Hubs dovrebbe iniziare ad entrare in maniera più aggressiva nelle scuole e nelle università.

Printer Quality Ratings July 2015

Tags
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!