Biostampa

Bioprinting di tessuti, una cellula alla volta, con Biopixlar AER

Intervista esclusiva con Victoire Viannay, CEO di Fluicell, sull'eliminazione dei bioinchiostri e della nuova biostampante compatta

0 Condivisioni

Quando il grande pubblico immagina la biostampa, tende a immaginare una macchina che costruisce tessuti cellulari aggiungendo una cellula dopo l’altra. In generale, non è così, poiché la maggior parte delle tecnologie sfrutta i bioinchiostri e gli idrogel per creare scaffold e depositare i materiali cellulari. La tecnologia di biostampa microfluidica di Fluicell ha fornito per la prima volta funzionalità di stampa unicellulare con la piattaforma Biopixlar originale nel 2019. Ora, con il nuovo Biopixlar AER, queste capacità diventano accessibili a un target molto più ampio di utenti. Abbiamo incontrato in esclusiva Victoire Viannay, CEO di Fluicell, per saperne di più su questa tecnologia e sulle possibilità che apre per nuove applicazioni.

Bioprinting una cellula alla volta: intervista con il CEO di Fluicell Victoire Viannay sull'eliminazione dei bioinchiostri e della nuova biostampante Biopixlar AER
Victoire Viannay, CEO di Fluicell

Fluicell è stata fondata dieci anni fa, come società spin-off della Chalmers University of Technology di Göteborg, in Svezia, con l’ambizione di fornire tecnologie unicellulari per spingere i confini della scienza. Dall’inizio, l’azienda è passata da azienda monoprodotto incentrata sulla biologia unicellulare a azienda a cinque piattaforme che fornisce strumenti di ricerca, accessori, servizi e collaborazioni di ricerca e sviluppo in biologia unicellulare, bioprinting e medicina rigenerativa. È presente in gran parte del mondo, con la maggior parte dei sistemi attualmente utilizzati negli USA e in tutta Europa, in note Università, istituti di ricerca e aziende farmaceutiche.

“Oggi siamo un team di 19 persone innovative e lungimiranti”, ha detto il CEO di Fluicell a 3dpbm. “Siamo una piccola squadra, ma miriamo a far crescere ulteriormente l’azienda man mano che installiamo sempre più prodotti nei laboratori di tutto il mondo e man mano che progrediamo nel nostro programma di medicina rigenerativa attraverso partnership”.

Fluicell è un fornitore di soluzioni di ricerca in biologia unicellulare, bioprinting e medicina rigenerativa. “Ciò significa che non ti stiamo solo vendendo uno strumento”, chiarisce Victoire Viannay, “forniamo anche accessori e materiali di consumo per coprire il processo di biostampa dall’inizio alla fine. Il nostro impegno nel fornire un pacchetto completo di soluzioni di ricerca si estende anche al lavoro di ricerca e sviluppo su contratto in cui aiutiamo i clienti a sviluppare nuove applicazioni o eseguire studi pilota utilizzando il nostro know-how unico”.

Inoltre, Fluicell si impegna regolarmente in partenariati di ricerca collaborativa. Un esempio recente di ciò è il progetto di ricerca BIRDIE, finanziato dall’UE, che mira a sviluppare modelli renali in vitro utilizzando tecnologie di bioprinting e organo su chip, coordinato dall’Università di Maastricht, con partner in Francia e Germania.

Il vantaggio cellula per cellula

“Fluicell è un’azienda di microfluidica nel cuore – ci ha detto Victoire Viannay – con un focus particolare sullo sviluppo di strumenti per controllare i flussi di liquidi in volumi aperti. La tecnologia ci consente, ad esempio, di esporre le singole cellule a composti farmacologici senza portarle fuori dal loro ambiente nativo o, nel caso della nostra tecnologia di biostampa Biopixlar, di depositare cellule con precisione a livello di singole cellule direttamente nei terreni di coltura per creare tessuti biologici dettagliati”.

Il vantaggio principale della piattaforma Biopixlar è che la tecnologia microfluidica a volume aperto consente agli utenti di creare tessuti con precisione e risoluzione molto elevate che rappresentano meglio le configurazioni cellulari nei tessuti reali. Questo vale per array unicellulari o modelli di ricerca in vitro di terapie basate sui tessuti. Inoltre, poiché Biopixlar non richiede alcun bioink, gli utenti possono posizionare le cellule vicine in modo da promuovere la comunicazione intercellulare, che è importante per la corretta maturazione e funzione dei tessuti. Inoltre, è necessario pochissimo materiale di partenza per generare i tessuti, rendendo la tecnologia adatta, tra le altre cose, ad applicazioni di medicina di precisione che utilizzano materiale derivato dal paziente.

Oltre ai numerosi vantaggi sopra menzionati, una differenza cruciale tra Biopixlar e le tecniche basate sull’estrusione è che le celle stampate subiscono uno stress meccanico minimo durante il processo di stampa, con conseguente migliore sopravvivenza cellulare. “La differenza”, ha spiegato Victoire Viannay, “è che Biopixlar stampa direttamente nei terreni di coltura utilizzando flussi laminari, il che crea un ambiente molto favorevole alle cellule, considerando che il bioinchiostro stesso può causare stress di taglio dannosi per le cellule.

“Con la biostampa per estrusione, c’è anche uno scarso controllo su come le cellule sono posizionate all’interno del bioinchiostro e nel tessuto stampato, il che avrà un impatto sulla funzione del tessuto. Biopixlar evita ciò stampando direttamente le cellule, promuovendo così una maggiore funzionalità biologica. Per quanto riguarda la biostampa laser assistita, la piattaforma Biopixlar elimina la strumentazione complessa e la necessità di una matrice fotosensibile per modellare le cellule”.

La cella di produzione compatta Biopixlar AER

Il nuovo Biopixlar AER è stato introdotto per offrire la biostampa unicellulare in un formato compatto. Si tratta di bioprinting di fascia alta che si inserisce in una cappa a flusso laminare standard o in un armadio di biosicurezza e che è facile da integrare in qualsiasi flusso di lavoro di laboratorio. È facile da configurare e iniziare a utilizzare e facile da usare con il controller del gamepad.

“L’obiettivo di Biopixlar AER è portare le possibilità offerte dalla tecnologia Biopixlar nei laboratori che favoriscono un alto grado di parallelizzazione e automazione dei processi”, ha sottolineato Victoire Viannay “È stato progettato per l’integrazione del flusso di lavoro di laboratorio e un facile inserimento degli utenti, rendendo la piattaforma un soluzione ideale per grandi laboratori di ricerca con molti utenti non specializzati. Questi possono includere laboratori di ricerca farmaceutica, strutture di base e altre grandi infrastrutture di ricerca. Il cliente ideale è colui che desidera ottenere dati migliori e più numerosi dai propri modelli di ricerca in vitro, sia per comprendere meglio i meccanismi biologici alla base di una specifica malattia sia per ottenere informazioni più affidabili sugli effetti di un particolare farmaco candidato”.

Continua a leggere la nostra intervista esclusiva con Victoire Viannay, CEO di Fluicell, e scopri tutto ciò che devi sapere sulla biostampante Biopixlar AER senza bioinchiostro nel nuovissimo eBook AM Focus 2022 Bioprinting di 3dpbm (pagina 31). I nostri eBook AM Focus sono gratuiti al 100% per la visualizzazione online o il download (nessuna registrazione richiesta).
0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!