Ambiente

Biden rischia di restare impigliato nel Senato?

In che modo i piani per le energie rinnovabili di Joe Biden potrebbero influenzare AM quando i risultati delle elezioni diventeranno più chiari

Joseph Biden ha vinto la presidenza, ma l’onda blu che potrebbe travolgere il Paese non si è mai materializzata: il nuovo presidente si è molto probabilmente trovato con un Congresso diviso, che potrebbe rendere difficile il finanziamento delle energie rinnovabili. Questa rete ha interferito sui piani di energia rinnovabile di Biden e sui vantaggi a catena che potrebbero derivare dallo spazio di produzione additiva. Un Senato controllato dai repubblicani ha il potenziale per interrompere in modo significativo il desiderio di Biden di incoraggiare un Green New Deal. Il presidente, ovviamente, avrà un certo margine di manovra esecutivo nel suo approccio alla politica climatica, ma quel margine di manovra non è affatto vicino alla capacità del Congresso di autorizzare massicce spese per infrastrutture e clima. L’equazione politica è sul filo del rasoio e il settore AM ha molto da perdere (o da guadagnare) mentre si riunisce il 117 ° Congresso.

La spinta dell’industria AM verso una maggiore sostenibilità dei processi di produzione sta diventando più chiara, nonostante le molte sfide che ancora esistono nell’uso di plastica riciclata e nel rendere l’intero flusso di lavoro AM del metallo – dalla produzione di materiale all’ottimizzazione delle parti, più efficiente nel complesso. La tecnologia ha il potenziale per rendere i prodotti più efficienti e ridurre la loro impronta di carbonio nel corso della vita, specialmente nel settore aerospaziale ma anche, sempre di più, nell’automotive. Come 3dpbm ha appurato approfonditamente nel nostro recente eBook sulla sostenibilità, AM ha molto da dire anche riguardo al mix energetico. Tuttavia, va detto che la tecnologia è indipendente dalla fonte energetica, presentando tanti vantaggi nella generazione di combustibili fossili – ottimizzando notevolmente l’intero flusso di petrolio e gas a monte, medio a valle e della generazione di energia – come nell’energia rinnovabile, consentendo il produzione di sistemi migliori e più efficienti per generare energia dall’eolico al marino e solare.

Mitch McConnell, noto per essere un duro oppositore procedurale al Senato, probabilmente rallenterà o annullerà i tentativi di legiferare sul clima e sui finanziamenti alle infrastrutture. La sfida legislativa più immediata, la spesa per gli stimoli americani, potrebbe favorire la spesa per le infrastrutture climatiche: McConnell si è impegnato a lavorare sugli stimoli prima dell’inaugurazione di Biden a gennaio. L’elezione di McConnell nel Kentucky lo ha visto ammettere che il cambiamento climatico è causato dagli esseri umani. La sua soluzione, tuttavia, si basa sul presunto “buon senso”, che fa presagire un’azione legislativa. La League of Conservation Voters, un’organizzazione che tiene traccia del voto del Congresso sulle questioni climatiche, assegna al senatore per sei mandati un punteggio a vita del 7% sui voti climatici.

Il record di voti di McConnell non sorprende: il suo stato, il Kentucky, ha il terzo maggior numero di miniere di carbone negli Stati Uniti ed è il quinto produttore di carbone. L’energia prodotta dal carbonio è una questione politica significativa. Il Kentucky, tuttavia, ha ridotto del 21% la sua dipendenza energetica dal carbone tra il 2008 e il 2018. Anche i posti di lavoro nell’estrazione del carbone sono diminuiti nell’ultimo decennio, con il calo del consumo di carbone negli Stati Uniti. Queste cifre suggeriscono che il carbone, almeno come motivo di una ferma opposizione alla lotta al cambiamento climatico, potrebbe ritirarsi.

McConnell e i repubblicani del Senato affrontano più in generale la prospettiva di gestire questa diminuzione della domanda di carbone e combustibili fossili. L’impulso conservazionista repubblicano, come ha sottolineato l’avversario democratico di McConnell, non è adatto ai tempi. Riconoscere le mutevoli circostanze e gestire l’ambiente normativo per tale cambiamento si allinea meglio con la base di McConnell e dei senatori repubblicani.

La politica climatica bipartisan è, come è stato sottolineato altrove, possibile, ma solo se le nette divisioni partigiane che hanno caratterizzato la politica americana si placano. RepublicEn colma alcune di queste divisioni. Questa organizzazione non profit repubblicana promuove un’agenda “EcoRight”. La libera impresa, secondo l’EcoRight, può ridurre gli impatti del cambiamento climatico collaborando volontariamente per produrre soluzioni commerciabili. Questo approccio ha il potenziale per spostare il dibattito legislativo. L’attuale stato d’animo negli Stati Uniti problematizza il cambiamento climatico come una pretesa di verità; l’EcoRight accetta che il cambiamento climatico sia una realtà, il che gli consente di prendere posizione sulla portata del coinvolgimento del governo nella lotta al cambiamento climatico.

Joe Biden è salutato da molti come un agente del compromesso bipartisan, che potrebbe essere ancora possibile in un Senato controllato dai repubblicani. I poteri esecutivi che Biden erediterà gli consentiranno di regolare le emissioni e gli standard ambientali senza l’approvazione del Congresso. Questi poteri potrebbero dare all’amministrazione una certa leva quando negozia infrastrutture e spese di stimolo con il Congresso: il “grande governo” a cui i repubblicani resistono così strenuamente potrebbe essere schierato se in Senato i repubblicani non si alzano al tavolo.

La produzione additiva, come il movimento ambientalista, ha una possibilità in questo contesto politico. È possibile fare pressioni congressuali per un’attenzione particolare all’AM nell’allocazione degli stimoli. Una mossa migliore potrebbe includere l’AM nelle discussioni politiche sull’energia rinnovabile e sulla rivitalizzazione economica. Stratasys, ad esempio, ha compiuto un tour attraverso il Midwest industriale, che questa rete ha suggerito fosse una mossa per rendere caro l’AM in una regione che ha visto un deflusso di posti di lavoro nella produzione negli anni ’80. Il forte coinvolgimento di AM nelle iniziative COVID-19 ha, inoltre, dimostrato che l’industria può rispondere rapidamente a sfide enormi.

Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!