Hanan Gothait, fondatore di XJet, con un sistema Carmel 1400

Beam-IT è il primo cliente italiano di X-Jet

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La compagnia di additive manufacturing XJet Ltd. ha annunciato in data 7 novembre che la più grande agenzia di servizi per AM italiana, Beam-IT, ha acquistato un sistema XJet Carmel1400 AM. Si tratta di un sistema che sfrutta la tecnologia unica brevettata da XJet, ovvero il NanoParticle Jetting (NPJ), primo nel suo genere in Italia e che sarà installato entro la fine del 2018. Ciò accrescerà la base di installazione XJet, facendole raggiungere quota 7 paesi.

Per un’azienda specialista dell’additive manufacturing dal 1997, l’investimento nel sistema Carmel AM di Beam-IT consente di espandere il proprio raggio di competenze, finora limitato alle parti in metallo, aggiungendo anche le ceramiche tecniche. “I nostri clienti hanno visto i numerosi vantaggi che la produzione AM apporta alle parti in metallo e molti di loro sarebbero entusiasti di riscontrarli anche per quanto riguarda le ceramiche”, spiega il presidente di Beam-IT, Mauro Antolotti, “La tecnologia NPJ di XJet offre una combinazione di dettaglio, densità e libertà di progettazione mai consentita prima da altri metodi di produzione per ceramiche, quindi sembra proprio che si tratti del momento giusto per intraprendere questo passo”.

Beam-IT si è lanciata in questa nuova tecnologia emergente quale competitor per i tradizionali processi di casting. Uno dei nostri futuri programmi di sviluppo congiunto con un cliente del settore aeronautico si baserà sull’applicazione di questa interessante tecnologia alle leghe metalliche”, afferma Gabriele Rizzi, Sales Manager di Beam-IT.

Martina Riccio, Responsabile Process e R&D Engineering di Beam-IT con Dror Danai, CBO di XJet e il sistema XJet Carmel 1400 AM sulla linea di produzione di Kiryat Gat

La NPJ si distingue dalle altre tecnologie AM per ceramiche e metalli perché sfrutta un processo di dispersione liquida. Ciò offre vantaggi unici per quanto riguarda le proprietà meccaniche e geometriche, e ne derivano parti di qualità migliore e maggiore libertà di progettazione. I sistemi XJet Carmel propongono anche tanti vantaggi operativi e di sicurezza. Agli operatori sono richieste solo delle competenze di base e una formazione minima.

Con le certificazioni ISO 9001 e EN 9100 per i settori automobilistico, medico, avionico/aerospaziale e in quello delle corse automobilistiche, la qualità rappresenta un importante tassello della grande visione di Beam-IT. “In qualità di principale agenzia di servizi per AM italiana, abbiamo partnership con alcune delle più importanti compagnie di settori come quello biomedico, aeronautico, aerospaziale, dei motori, con settori industriali, così come con le più rinomate università e istituti di ricerca. Per questa ragione, per noi è di fondamentale importanza produrre articoli della più elevata qualità. Dopo aver esaminato le parti prodotte realizzate con la tecnologia di XJet siamo rimasti estremamente colpiti dai livelli di precisione e dettaglio delle parti. Anche l’avvicinarsi della parte alla forma finale desiderata ha rappresentato un altro fattore cruciale in quanto più tempo si risparmia in fase di post-elaborazione, migliore è il processo. In questo modo i nostri team possono procedere alla realizzazione di parti più complesse e sofisticate progettate per l’AM”.

Il CEO di XJet Hanan Gothait ha commentato: “Siamo lieti di lavorare con una compagnia della levatura di Beam-IT. La sua vasta base di clientela si traduce nel fatto che possiamo aspettarci di vedere tante applicazioni interessanti nel corso dei mesi a venire. Essendo il primo sistema spedito in Italia, questa vendita rappresenta anche un’altra tappa importante per XJet in quanto questo paese, che possiede un entusiasmante potenziale di mercato, va ad aggiungersi alla nostra mappa di installazioni e distributori in continua espansione”.

Uno dei sistemi Carmel 1400 in funzionamento presso il nuovo centro servizi per AM

Autore Martina Pelagallo

Da non perdere

Anisoprint, a Skolkovo nasce il futuro della stampa 3D di compositi a fibra continua

Sono passati 30 anni dalla fine della guerra fredda e tuttavia la Russia continua a …