Katerina

I ricercatori di Harvard creano Octobot, il primo soft robot senza elettronica, con un nuovo processo di stampa 3D

Alimentato da una reazione chimica controllata da un processo microfluidico, l’ octobot stampato in 3D è un soft robot senza elettronica. Un gruppo dell’Università di Harvard composto da ricercatori con conoscenze sulla stampa 3D, ingegneri meccanici, e esperti di microfluidica ha prodotto il primo robot completamente soft autonomo senza legami. Questo piccolo robot – chiamato octobot- stampato in 3D potrebbe aprire …

Continua a leggere

Lockheed Martin sta realmente costruendo una stampante 3d per diamanti?

Stanno circolando notizie sul brevetto che l’inventore David J Findley ha depositato per conto di Lockheed Martin di una stampante 3D per diamanti in grado di creare strutture di qualsiasi forma. Questo significa che a breve stamperemo diamanti in 3D? La risposta, in breve, è probabilmente no, tuttavia il brevetto è reale e – mentre apre la prospettiva di creare diamanti …

Continua a leggere

3Design, la stampa 3D in Nuova Zelanda

Come giornalista di stampa 3D con base in Corea del Sud, ho spesso la possibilità di testare e recensire nuove macchine provenienti da tutto il Sud est asiatico. Mentre la maggior parte sono piuttosto buone  ho avuto l’opportunità qualche tempo fa di testare la CubiconStyle di HyVision e me ne sono completamente innamorato. Sono stato molto felice di scoprire che anche altri, al …

Continua a leggere

3DPRINTEROS muove il suo servizio cloud su MICROSOFT AZURE per espandere la sua fabbrica virtuale

Dopo aver speso parecchi degli ultimi anni a sviluppare uno dei servizi cloud di stampa 3D più potente e completo presente sul mercato, 3DPrinterOS sembra pronta a rilasciare la sua piattaforma alla community mondiale della stampa 3D. Questa settimana l’azienda, che ha sede nella Silicon Valley, ha annunciato che espanderà la sua piattaforma cloud a un livello globale, spostando i suoi servizi su …

Continua a leggere

BIOPLASTICA dalle bucce d’arancia e dal caffè prodotta dallo IAAC, stampabile in 3D

Un gruppo di studenti dello IAAC (l’Istituto di Architettura Avanzata) di Barcellona ha studiato come sviluppare in una bioplastica dagli scarti del cibo. Scopo dell’iniziativa è quello di trarre il massimo vantaggio nel lavorare con un materiale biodegradabile, e con lo spirito di ridurre, riutilizzare e riciclare,come le bucce di arancia, le bucce dei gamberetti e il caffè macinato usato. Gli …

Continua a leggere