MetalliStampa 3D - Servizi

Arcelor Mittal collabora con Additive Industries per la stampa 3D di pezzi di ricambio in acciaio su richiesta

Il colosso della metallurgia Arcelor Mittal e Additive Industries hanno unito le forze per esplorare le opportunità della stampa 3D di metalli per l’industria siderurgica utilizzando uno dei MetalFAB1 della società olandese, uno dei più grandi sistemi di stampa 3D di metalli a 4 laser disponibili sul mercato. La stampa 3D dei pezzi di ricambio è pratica in quanto offre una produzione su richiesta e in loco che riduce la necessità di scorte; riduce inoltre il ciclo di produzione e offre flessibilità agli impianti ArcelorMittal. Dall’installazione della prima stampante 3D in metallo nelle strutture di ricerca e sviluppo di ArcelorMittal, diversi pezzi di ricambio stampati in 3D sono già stati utilizzati mentre altri sono ancora in funzione nelle strutture di ArcelorMittal.

“La produzione additiva è una tecnologia esponenziale, che si muove molto velocemente. La nostra collaborazione con Additive Industries è una chiara dimostrazione della nostra capacità di rimanere all’avanguardia di questa tecnologia: abbiamo iniziato stampando piccoli esemplari e ora siamo passati a pezzi di grandi dimensioni e complessi “, ha dichiarato Jose López Fresno, responsabile dell’additivo Dipartimento di produzione, ArcelorMittal Global R&D ad Avilés (Spagna).

MetalFAB1 è un’esclusiva stampante in metallo che ha automatizzato i passaggi manuali delle stampanti convenzionali a fusione a letto di polvere (PBF) per garantire la massima produttività, con il risultato del minor costo per parte stampata (Figura 1). Allo stesso tempo, il volume di costruzione ( 420x420x400 mm) consente la produzione di pezzi di ricambio in acciaio di grandi dimensioni per la produzione di acciaio o le operazioni di estrazione. Il sistema è progettato per essere il più sicuro sul mercato, contribuendo all’attenzione di ArcelorMittal sulla sicurezza dell’operatore e sugli obiettivi ambientali poiché il sistema ricicla tutto il materiale e non genera quasi alcun rifiuto di produzione.

Pezzi di ricambio stampati in 3D utilizzati nelle strutture di ArcelorMittal: Esempio di applicazione di consolidamento dei pezzi con parte originale 316L a sinistra e parte prodotta additiva a destra (A); un esempio di parti funzionali di grandi dimensioni con struttura reticolare interna realizzata con 316L sopra i 500 mm (B); pezzi di ricambio funzionali (cavi) leggeri realizzati con acciaio Maraging con parametri ottimizzati di ArcelorMittal (C).

Le operazioni di fabbricazione dell’acciaio si trovano generalmente ad affrontare condizioni molto difficili e impegnative per i loro pezzi di ricambio. Durante le fasi iniziali, l’aspetto più impegnativo affrontato era il raggiungimento di questi requisiti sia per la qualità che per le dimensioni dei componenti, limitando i potenziali usi dei pezzi di ricambio. Gli ultimi due anni di collaborazione hanno consentito alle persone coinvolte di migliorare sia la qualità che l’affidabilità, nonché un aumento fino a quattro volte maggiore delle dimensioni dei componenti.

“L’innovazione e il leader di mercato ArcelorMittal ci hanno aiutato a sottoporre a stress test il nostro sistema MetalFAB1 per la produzione di pezzi di ricambio critici. Questo ci ha permesso di espandere la nostra esperienza nel settore siderurgico dai nostri principali mercati applicativi nel settore aerospaziale e automobilistico. È diventato chiaro che la stampa 3D in metallo è una seria alternativa per una grande varietà di pezzi fusi ”, ha aggiunto Daan AJ Kersten, co-fondatore e CEO Additive Industries.

Maggiori informazioni in questo video:

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!