Produzione

Apple e Honor utilizzeranno la stampa 3D in metallo per la produzione di dispositivi di nuova generazione

Entrambi saranno prodotti in Cina ed entrambi utilizzeranno la tecnologia cinese di stampa 3D in metallo. Quali sono le implicazioni di questa nuova tendenza?

0 Condivisioni

Ming Chi-Kuo, analista di TF International Securities, ha recentemente riferito che, secondo il suo ultimo sondaggio, Apple sta attivamente adottando la tecnologia di stampa 3D. Ci si aspetta quindi che alcune delle parti meccaniche in titanio del nuovo Apple Watch Ultra 2H23 saranno realizzate mediante stampa 3D. Sebbene attualmente le parti meccaniche realizzate con la stampa 3D debbano ancora passare attraverso il processo CNC per i processi di back-end, ritiene che l’AM possa ancora migliorare i tempi di produzione e ridurre i costi di produzione.

Per quanto riguarda la catena di fornitura delle stampanti 3D utilizzate per produrre parti meccaniche per l’Apple Watch Ultra, IPG Photonics è il fornitore esclusivo di componenti laser e i fornitori di stampanti sono Farsoon e BLT. Se le spedizioni andranno bene, Kuo ritiene che più prodotti Apple adotteranno la tecnologia di stampa 3D, che contribuirà a migliorare i costi di produzione e le prestazioni ESG nella catena di fornitura di Apple, e anche i fornitori sopra menzionati beneficeranno di questa nuova tendenza di produzione.

Ming Chi-Kuo, analista di TF International Securities, ha recentemente riferito che Apple sta attivamente adottando la tecnologia AM

I componenti potrebbero includere la corona digitale, il pulsante laterale e quello di azione, in quanto queste sono le uniche parti meccaniche dell’‌Apple Watch Ultra‌. Queste sono le parti in titanio attualmente lavorate a CNC. la novità ha il potenziale per migliorare i tempi di produzione e ridurre i costi.

Sebbene questa sia solo una deduzione non ufficiale, la vera novità qui è la conferma che Apple utilizza la tecnologia di stampa 3D di BLT e Farsoon. Non c’è alcuna conferma che la società produrrà effettivamente le parti dell’Apple Watch Ultra, ma è molto probabile, soprattutto alla luce del fatto che uno dei suoi concorrenti cinesi nel segmento dei dispositivi mobili, Honor, ha appena descritto accuratamente i propri – molto reali e molto chiara – strategia, per implementare l’AM in metallo per la produzione in serie del nuovo smartphone pieghevole Magic V2.

Ming Chi-Kuo, analista di TF International Securities, ha recentemente riferito che Apple sta attivamente adottando la tecnologia AM

Secondo Karsten Heuser, vicepresidente della produzione additiva di Siemens, che per primo ha riferito del progetto Honor sui media occidentali tramite un post su LinkedIn, “L’Honor Magic V2 raggiunge uno spessore di soli 9,9 mm nel suo stato piegato progettando una cerniera in titanio da produrre con e con la stampa 3D. Secondo gli annunci, l’utilizzo di AM lo ha reso più leggero del 62% e ha ridotto il numero di parti della cerniera da 92 parti a sole 4. Anche la resistenza è migliorata grazie alla lega di titanio su misura rispetto alle parti in acciaio e alluminio lavorate tradizionalmente”.

Honor ha anche affermato che almeno 2 delle 4 parti vengono stampate, mentre per le altre parti utilizzeranno stampi AM per un singolo processo di fusione con una struttura più fine o anche le parti potrebbero essere stampate in 3D. Hanbang 3D (HBD) ha affermato che la cerniera con la sua copertura è stata sviluppata sulla base della loro tecnologia. Sono coinvolte anche altre società AM cinesi.

Heuser sottolinea infine che “Mentre molti nel settore AM europeo spiegano ancora che solo la produzione a basso volume sarebbe gestibile da AM, questi esempi mostrano chiaramente il percorso verso la produzione avanzata ad alto volume con AM. Soprattutto le aziende europee di macchine L-PBF in metallo, essendo pionieri nell’AM, devono essere allertate da questi sviluppi”.

Ming Chi-Kuo, analista di TF International Securities, ha recentemente riferito che Apple sta attivamente adottando la tecnologia AM

Se la voce di Apple viene confermata e il progetto Honor segue (insieme al successo commerciale per il nuovo prodotto smartphone, questo inaugurerà una nuova era in termini di utilizzo di AM per la produzione in serie e persino di massa. È probabile che i prodotti del futuro utilizzeranno sempre più l’AM nella produzione semplicemente perché non c’è altro modo.

Questo è qualcosa che l’intero settore AM già conosce e che la maggior parte delle aziende che adottano stanno iniziando a scoprire (con il settore medico e aerospaziale in testa, soprattutto in occidente). Tuttavia, il ridimensionamento dell’uso dell’AM per la produzione in serie, che è stato salutato come un mezzo per “respingere la produzione”, è ora guidato da aziende asiatiche e soprattutto cinesi in cui la produzione è già in corso. Le aziende occidentali hanno fatto enormi proclami, ma alla fine finora non sono riuscite a implementare in modo aggressivo forti strategie di produzione basate su AM, soprattutto perché semplicemente non hanno effettuato gli investimenti richiesti.

Ming Chi-Kuo, analista di TF International Securities, ha recentemente riferito che Apple sta attivamente adottando la tecnologia AM

 

Ci sono alcune eccezioni: aziende come OECHSLER nei polimeri e Oerlikon nei metalli stanno compiendo enormi sforzi per sviluppare linee di produzione di massa AM efficaci ed efficienti. Anche Siemens, soprattutto dopo il recente annuncio dell’investimento di oltre 1 miliardo di dollari per digitalizzare la produzione e implementare la produzione nel suo stabilimento di Erlangen. Molte compagnie spaziali stanno finalmente implementando in modo aggressivo l’AM (a volte molto più tardi di quanto avrebbero dovuto). Ma queste aziende, per quanto grandi, non possono bastare.

Come analisti di mercato e specializzati, un’altra grande sfida che stiamo vedendo in Occidente è che le aziende che adottano non vogliono discutere apertamente delle loro strategie AM. Ci sono due/tre ragioni per cui le aziende non vogliono divulgare le loro strategie AM. Il primo è che vogliono preservare un ipotetico vantaggio competitivo (come se le aziende concorrenti non fossero a conoscenza dell’esistenza di AM). Il secondo è che a volte vedono AM (o stampa 3D) come un termine esagerato che diminuirebbe il valore dei loro prodotti e quindi non vogliono essere associati ad esso. Infine, a volte le aziende più grandi semplicemente non considerano i media AM e AM quanto dovrebbero. Cercano una copertura mediatica generalista, ma i media generalisti non hanno una comprensione sufficiente delle complessità AM per essere in grado di trattare questo argomento in modo accurato.

Ming Chi-Kuo, analista di TF International Securities, ha recentemente riferito che Apple sta attivamente adottando la tecnologia AM

In Cina, questo è molto diverso. Sebbene le aziende cinesi non effettuino investimenti significativi nei media in Occidente, lo fanno certamente nel mercato interno. Anche senza investire, la maggior parte delle aziende cinesi (una volta superata la barriera linguistica e geografica) è estremamente aperta sull’uso della produzione additiva. Sono ansiosi di condividere informazioni sulle vendite e VoxelMatters ha raccolto tutte queste informazioni nel suo database in crescita. Le società citate in questo articolo (BLT, Farsoon, HBD), insieme a dozzine di altre società attive nell’AM in metallo, polimero e ceramica, sono pronte per la scalabilità, supportate dagli utilizzatori cinesi. La loro tecnologia si è evoluta rapidamente, proprio come la tecnologia cinese degli smartphone (e dei veicoli elettrici) si sta evolvendo rapidamente.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Composites AM 2024

746 composites AM companies individually surveyed and studied. Core composites AM market generated over $78...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!