AziendeMetalli

All’interno del modernissimo impianto Sandvik di atomizzazione per il titanio

L'atomizzatore EIGA funziona con energia rinnovabile al 100% per produrre le polveri Osprey AM

0 Condivisioni

Situato a Sandviken, in Svezia, vicino all’Additive Manufacturing Center di Sandvik, l’impianto di atomizzazione produce le polveri metalliche di titanio Osprey. Il cuore stesso dell’impianto da 200 MSEK (20 milioni di euro), nonché la culla della produzione, è la torre di atomizzazione che si innalza per più di nove metri e racchiude in sicurezza il processo di EIGA, abbreviazione di atomizzazione a gas inerte con elettrodi.

Un elettrodo di titanio rotante orientato verticalmente viene fuso ad un’estremità, attraverso una bobina di induzione conica. Il design della bobina è ottimizzato per ottenere la giusta temperatura per far scendere la massa fusa o, se controllato con abilità, scorrere continuamente dall’estremità dell’elettrodo. Quando il metallo scorre attraverso una fessura sottostante, viene trasformato da un flusso ad alta velocità di argon, provocando l’atomizzazione della massa fusa. Il risultato sono milioni e milioni di micro-goccioline che cadono a cascata lungo la torre e, mentre cadono, si solidificano per formare grani di polvere fine di perfezione sferica che vengono infine raccolti in un contenitore ermetico.

Il processo EIGA

Una volta atomizzato il titanio viene lavorato nella torre di vagliatura, dove un setaccio a due piani separa i granuli di polvere in base alla loro dimensione. Questo viene fatto per garantire che le consegne risultino al top in termini di qualità e omogeneità. La consistenza premium è una delle aree di differenziazione più apprezzate quando si tratta di polveri metalliche di fascia alta utilizzate in AM, come il marchio Osprey di polveri metalliche. Dopo essere stata accuratamente miscelata, un robot confeziona e sigilla la polvere di titanio che è quindi pronta per intraprendere il suo viaggio verso le stampanti 3D in tutto il mondo.

Il sistema EIGA (Electrode Inert Gas Atomization Technology) di fusione degli elettrodi atomizza polvere di titanio di alta qualità con bassi livelli di ossigeno e azoto. È completato da una torre di vagliatura a valle dedicata, da un impianto di miscelazione e confezionamento su larga scala. L’impianto altamente automatizzato include anche una torre di vagliatura per superleghe a base di nichel, garantendo affidabilità e consistenza ancora migliori.

Atomizzazione ad alta efficienza energetica

Per Sandvik, avere l’intera catena di fornitura interna – dalla spugna di titanio alla polvere finita – garantisce la piena tracciabilità per la produzione di polveri di titanio per la produzione additiva, tra cui Osprey Ti-6Al-4V Grado 5 e Grado 23, nonché Osprey Alloy 625 e Alloy 718. Altre leghe sono disponibili su richiesta.

Sebbene l’atomizzazione sia un processo ad alta intensità energetica, la produzione di polveri nello stabilimento di Sandvik si basa sul 100% di energia rinnovabile, con tutti i processi di fusione e riscaldamento effettuati da forni elettrici. Tutti i trasporti interni sono effettuati da veicoli elettrici. Inoltre, il sistema di recupero del calore nell’edificio riduce il consumo energetico del 50-60% e tutti i sistemi di raffreddamento sono a circuito chiuso.

Gli elementi di lega e gli scarti per la produzione provengono dalle acciaierie Sandvik a Sandviken e Hallstahammar, in Svezia. Il materiale di scarto del processo viene rifuso nel processo di Sandvik o nell’acciaieria da 75 tonnellate dell’azienda.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!